Notte al gelo e sotto la neve per venti esperti del Soccorso Alpino per salvare un 30enne perugino

Speleologo colto da sfinimento all’interno della grotta del Monte Cucco

È stata una nottata insonne per i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Umbria che sono intervenuti nel salvataggio di uno speleologo colto da sfinimento all’interno della grotta del Monte Cucco. L’allarme per soccorrere l’uomo, A.B., perugino di 30 anni, è scattato poco dopo le 22 di sabato scorso. Venti operatori si sono recati sul posto: il tracciato innevato e ghiacciato a causa delle basse temperature, ha richiesto l’impiego di mezzi fuoristrada; mentre, l’ascesa a piedi, anch’essa in ambiente impervio, è stata effettuata con tecniche alpinistiche mediante l’uso di piccozze e ramponi.

I tecnici del SASU, raggiunto l’ingresso della grotta situato a 1400mt di quota, si sono suddivisi in due squadre in base alle loro competenze: una squadra del soccorso speleologico si è calata nella grotta ed ha raggiunto l'uomo, che è stato rifocillato e scaldato. È stato quindi  assistito sino all’esterno della grotta, dove è stato affidato alla squadra del soccorso alpino che lo ha accompagnato sino al parcheggio auto. Durante il recupero lo speleologo è stato assistito da personale sanitario. L’intervento si è concluso dopo quattro ore, le squadre sono poi rientrate nelle loro sedi dopo le 4 del mattino. spelologo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • L'Umbria in tv, Linea Verde alla scoperta delle nostre meraviglie: quando vedere la puntata

  • Spray urticante nei corridoi del Pieralli, nove ragazzi in ospedale per lesioni

  • Volley, il centrale della Sir Safety operato all'ospedale di Perugia: il bollettino medico

  • Truffa del gratuito patrocinio, bufera su alcuni avvocati perugini

  • Segano una quercia e prendono la legna, peccato fosse del Comune: denunciati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento