All'isola Polvese torna a nuova vita uno splendido e antichissimo monastero

Completata l'opera di restauro del Monastero degli Olivetani. A cura della Provincia di Perugia, proprietaria del prestigioso edificio, sono state effettuate opere che hanno interessato l’intero complesso

Sarà inaugurata con una cerimonia in programma per martedì 30 maggio ’17 l’opera di restauro del Monastero degli Olivetani di Isola Polvese. A cura della Provincia di Perugia, proprietaria del prestigioso edificio, sono state effettuate opere che hanno interessato l’intero complesso. Oltre al recupero strutturale e al consolidamento, il Monastero è stato interessato da una serie di interventi per l’adeguamento degli spazi interni.

Le lavorazioni sono state eseguite nel rispetto delle tecniche costruttive dello storico monumento, con utilizzo di materiali originari e secondo criteri e metodi conformi ai principi dell’architettura bioecologica. Il programma di martedì prevede la partenza da San Feliciano alle ore 15,20. Dopo la visita al Monastero, alle ore 16,30 nella Sala convegni sarà illustrato il progetto di recupero del complesso. Vi prenderanno parte il presidente della Provincia di Perugia Nando Mismetti, l’assessore regionale Antonio Bartolini, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Giampiero Bianconi, il sindaco di Castiglione del Lago Sergio Batino e il progettista e direttore dei lavori Sergio Formica. A seguire il concerto di Libercantus Ensemble Vocale, diretto dal M° Vladimiro Vagnetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La presenza del Monastero degli Olivetani alla Polvese risale agli inizi dell’anno Mille e fino al ‘500 la vita della comunità è proceduta regolarmente con l’acquisizione di terre e possedimenti che si estendevano sulle rive del Trasimeno e si spingevano fin verso la Toscana. Intorno al 1620 iniziò la decadenza con l’abbandono dell’edificio per le insalubri condizioni del luogo dovute ad un abbassamento delle acque del lago e all’impaludamento della zona, tanto da venire definitivamente chiuso e abbandonato nel 1708. Dopo essere passato nelle mani di diversi proprietari nel corso degli anni, fu acquistato dalla Provincia di Perugia nel 1973.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento