rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Molestata dal patrigno, racconta tutto alla madre, ma non le crede. La Procura sì

La bimba ha trovato ascolto e sostegno nella famiglia affidataria e dopo anni la vicenda è finita in tribunale

Una storia di violenza e di degrado, nata in un contesto familiare disagiato. È la storia di una bambina molestata dal compagno della madre. La vicenda di una bambina che aveva provato a raccontare quel dolore che si portava dentro, ma la madre non le aveva creduto per non perdere l’uomo che amava.

Si potrebbe dire che è stata proprio la situazione di disagio familiare a salvare quella bambina, perché una volta che è stata portata via, prima in una struttura e poi in una famiglia affidataria, ha trovato l’attenzione e il sostegno di cui aveva bisogno e che neppure i servizi sociali erano stati in grado di cogliere.

La bambina si era aperta solo con la donna che l’aveva accolta in famiglia e che aveva notato che la ragazzina presentava dei disturbi dell’alimentazione, sovralimentandosi e poi vomitando. Così aveva approfondito, cercato di capire, dialogando con la bambina. Fino a riuscire a strapparle delle frasi: “M… (il compagno della madre, ndr) girava sempre nudo per casa”.

Con il tempo le confidenze si erano fatte più pressanti, fino al racconto delle molestie e degli abusi. Con quel senso di vergogna e di timore per il destino dell’orco che spesso si accompagna al dolore delle vittime: “Cosa succederà adesso a M…?”. Il racconto aveva toccato anche la madre e quel tentativo di rivelarle tutto, ma la donna non aveva voluto credere alla figlia. La Procura di Perugia, però, le aveva creduto.

La vicenda è stata ricostruita oggi davanti al collegio del Tribunale di Perugia che sta giudicando l’uomo per le presunte violenze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molestata dal patrigno, racconta tutto alla madre, ma non le crede. La Procura sì

PerugiaToday è in caricamento