rotate-mobile
Cronaca

Autista accusato di molestie sulla passeggera durante il lungo viaggio in autobus: dopo 10 anni il processo non inizia

La vittima, una giovane studentessa, aveva denunciato le carezze e i massaggi non richiesti sui capelli e sulla schiena da parte dell'uomo. Udienza rinviata perché i testimoni non si sono presentati

Una giovane studentessa ha denunciato di essere stata molestata durante il viaggio in bus dalla Sicilia all’Umbria. L’autista dell’autobus, un toscano di 50 anni, è finito sotto processo dopo un contorto percorso giudiziario, ma anche dopo 10 anni il procedimento è ancora fermo davanti al Collegio del Tribunale di Perugia.

La giovane, studentessa di 20 anni, aveva denunciato di aver subito “atti di inequivocabile natura sessuale” da parte di uno degli autisti in occasione del servizio di collegamento tra le città di Catania e Perugia effettuato da un autobus di linea nel 2013.

Secondo la denuncia il conducente, dopo aver ricevuto il cambio da un collega, si sarebbe seduto nella fila di poltrone dietro a dove si trovava la giovane e infilando le mani tra i due sedili, avrebbe toccato la giovane sulla schiena, scendendo verso le natiche. La ragazza avrebbe protestato, ma l’uomo avrebbe fatto finta di nulla, proponendole di prendere un caffè insieme, salvo poi tentare un nuovo approccio, toccandole la schiena e invitandola ad abbassare il sedile.

I fatti sono del 2013, il rinvio a giudizio è stato emesso il 6 febbraio del 2020, oggi l’udienza è stata rinviata perché i testimoni non si sono presentati.

L’uomo è difeso dall’avvocato Simone Costanzi. La ragazza si è costituita parte civile tramite l’avvocato Giovanni Bellini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autista accusato di molestie sulla passeggera durante il lungo viaggio in autobus: dopo 10 anni il processo non inizia

PerugiaToday è in caricamento