menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ricercatori umbri nella valle della vita primordiale in Tanzania: ritrovati reperti unici

Si è concluso con un doppio successo l’annuale campo di ricerca della Scuola di Paleoantropologia dell’Università di Perugia in Tanzania, nella Gola di Olduvai, sito d’interesse internazionale per lo studio dei primi passi dell’evoluzione umana. Quest’anno, per la prima volta, la missione ha ottenuto il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, entrando a far parte della lista di missioni archeologiche/antropologiche/etnografiche all’estero ufficialmente riconosciute dal Ministero.

Sotto la guida di Marco Cherin (paleontologo, Dipartimento di Fisica e Geologia) e Angelo Barili (naturalista, Galleria di Storia Naturale di Casalina), con la preziosa collaborazione del Prof. Giorgio Manzi (paleoantropologo, Sapienza Università di Roma) e del Prof. Fidelis Masao (archeologo, University of Dar es Saalam), il gruppo di studenti della Scuola ha raccolto e catalogato reperti fossili di enorme valore scientifico, che sono entrati a far parte del patrimonio di scoperte dell’UPOP (University of Perugia Olduvai Project).

Fra i reperti di maggior interesse spiccano quest’anno un cranio di coccodrillo – il primo a Olduvai! – datato a circa un milione e ottocentomila anni (ora ad Arusha, oggetto di opera di restauro) e un frammento di mandibola di caracal, un felino di media taglia segnalato per la prima volta a Olduvai dal team italo-tanzaniano.

2-3-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento