"Prima o poi sparerò a te e ai tuoi figli": contesta la multa e minaccia di morte vigile urbano

La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Perugia. Nei guai imprenditore edile 75enne

Un costruttore edile di 75 anni perugino è stato condannato a tre mesi di carcere  - pena sospesa - e al pagamento delle spese di processo e al risarcimento della vittima che si è costituita parte civile. L'uomo - come riporta il Corriere dell'Umbria - aveva pesantemente minacciato un vigile urbano in due occasioni differenti dopo che aveva subito una multa per smaltimento irregolare di rifiuti. Un provvedimenti che è stato fortemente contestato dal 75enne perchè lo smaltimento lo avrebbe fatto un suo dipendente ma il verbale era stato inviato a lui in quanto rappresentante dell'azienda. 

"Prima o poi sparerò a te e ai tuoi figli": lo ha detto al telefono e lo ha ribadito poche ore dopo recandosi al comando dei Vigili Urbani di Perugia. Due i testimoni che hanno ascoltato tutto e testimoniato durante il processo. La sentessa è stata emessa dal magistrato Alessandra Grimaccia. La parte lesa è difesa dall'avvocato Fabrizio Fagioli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 3 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 2 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • La Liguria ritorna in zona gialla mentre l'Umbria resta arancione: eppure i dati parlano chiaro, situazione migliore da noi...

Torna su
PerugiaToday è in caricamento