rotate-mobile
Cronaca

Minacce all'arbitro e insulti agli avversari, un anno lontano dai campi per allenatore dei portieri

L'uomo è stato denunciato alla Procura della Repubblica e sottoposto a Daspo con divieto di accesso nei luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive

Un anno lontano dai campi di calcio per minacce all’arbitro, ai guardialinee e insulti agli avversari. È quanto comminato dal questore di Perugia ad un tifoso molto agitato durante una partita del campionato dilettantistico regionale, rivelatosi poi un dirigente e allenatore dei portieri della compagine che stava giocando.

Secondo quanto appurato dal personale della Digos, durante la partita un tifoso protestava con vigore, lamentandosi del comportamento dei giocatori avversari. Le proteste dell’uomo, si sono rivolte prima contro la panchina della squadra avversaria, poi dirigersi nei confronti della terna arbitrale. Finita la partita l’uomo minacciava la terna arbitrale, senza però dare seguito alle minacce.

La Digos identificava l’autore delle minacce, scoprendo che era un dirigente di una delle società sportive dilettantistiche partecipanti all’evento nonché allenatore dei portieri. Scattava immediatamente la denuncia alla Procura della Repubblica e anche il provvedimento di Daspo con il divieto di accesso in luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive per la durata di un anno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce all'arbitro e insulti agli avversari, un anno lontano dai campi per allenatore dei portieri

PerugiaToday è in caricamento