menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

CasaPound contro l'assessore: "E' al servizio del business dei migranti, dimissioni subito"

Perugia, in tre anni dal Comune 150 mila euro per i centri d'accoglienza: la protesta di CasaPound che spara ad alzo zero sull’amministrazione civica e, in specie,  sull’assessore Edi Cicchi. Sul cavalcavia di via Cortonese i militanti dell’associazione hanno esposto uno striscione che recita: "Con 150 mila euro ai centri di accoglienza, il Comune finanzia l’invasione”.

Insomma: la destra (dei duri e puri) che se la prende col centrodestra. Secondo Antonio Ribecco, responsabile del movimento a Perugia, è un errore quella delibera (approvata dalla maggioranza di centro destra) che destina 150 mila euro, in tre anni, ai progetti SPRAR. A suo dire, quei soldi andrebbero “a finti profughi, gestiti per il solo business dalle solite cooperative a Perugia e provincia”.

“E ai cittadini – afferma perentorio – il Comune ripete il mantra secondo il quale i soldi per noi non ci sono. Ma per altri sì!”. “Non regge più la favoletta che i soldi sono del governo e della comunità europea!”, aggiunge Ribecco. CasaPound contesta “la doppia faccia della giunta Romizi, chiedendo le dimissioni dell’assessore Cicchi che ben incarna questo concetto: essere al servizio delle cooperative, come dimostrato dal precedente incarico e dallo scandalo della famosa lettera di raccomandazione al prefetto”.

Insomma: la Cicchi – a sentire Ribecco – non dice il vero quando afferma “che il Comune non può opporsi all’arrivo dei falsi profughi, che l’ostello poteva essere un centro di accoglienza, invece poi è stata smentita dalla commissione comunale. L’assessore al sociale diceva che i soldi dell’accoglienza erano fondi europei e il comune non ci metteva un euro”.  

Ma le cose non starebbero affatto in questo modo. “Invece – afferma CasaPound – si tratta di fondi ministeriali e il comune cofinanzia con 150 mila euro in tre anni, mettendoci ogni anno il 5% della cifra totale”.  “Chiediamo - conclude Ribecco - le immediate dimissioni di chi non è al servizio dei cittadini, ma solo del business dell’accoglienza”. Parole di lancinante chiarezza alle quali l’assessore saprà di certo rispondere. In qualche modo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento