Cronaca

MESTIERI SCOMPARSI. "Donne, è arrivato l’ombrellaio, è arrivato l’arrotino" grido d'antan. Intervista a uno degli ultimi "reduci"

Questo dell’arrotino è mestiere in disuso. Ma ce ne sono altri, come il calzolaio o il barbiere, che di lavoro ne avrebbero. Ma è difficile che qualche giovane subentri

MESTIERI SCOMPARSI. Donne, è arrivato l’ombrellaio, è arrivato l’arrotino. Un grido, spesso affidato agli altoparlanti fissati sul tettuccio del camioncino. Abbiamo visto uno dei reduci di un mestiere in estinzione nel quartiere Elce. Si tratta di un siciliano che gira per tutto lo stivale. Gli chiediamo se ci sia lavoro. Risponde: “Qualche arrotatura, ma poco altro”.
E gli ombrelli? C’è qualcuno che chieda di ripararli?
“Per quelli cinesi da pochi euro non conviene. Il gioco non vale la candela”.
Ma qualcuno ne ripara?
“Diciamo quelli di un certo valore, che costino almeno da dieci euro in su. Altrimenti dico al cliente che non conviene”.
Anche al mercatino di Pian di Massiano c’era Mastro Livi, che più che altro fabbricava lame di valore, ma faceva anche qualche arrotatura di forbici e coltelline da prosciutto. Certo che, con le forbici a pochi euro, ormai non vale la pena di cercare l’arrotino.

C’è qualche altro lavoro che tira?
“Sì, quello dei fuochi del gas. Capita che gli augelli del gpl si intasino o che ci si versi del liquido o vi si annidi lo sporco. Quindi non funzionano e occorre pulirli”.
Per fare questo, naturalmente, entrate nelle case.
“Sicuro. E troviamo un’accoglienza favorevole”.
Dopo di lei, c’è qualcuno che proseguirà col mestiere?
“Sì, mio figlio”.

Questo dell’arrotino è mestiere in disuso. Ma ce ne sono altri, come il calzolaio o il barbiere, che di lavoro ne avrebbero. Ma è difficile che qualche giovane subentri a un barbiere che chiude. Ci spiega il princeps tonsorum (e scultore) del Borgo d’Oro, Franco Pignattini, da un po’ in
pensione.

“La barba ormai se la fanno tutti da soli, col rasoio di sicurezza. Anche per le barbe lunghe ci sono macchinette ‘fai da te’. La testa, tanti giovani se la rasano a zero. E poi alcune parrucchiere fanno anche le teste maschili”. Insomma. Anche la nobile arte della barbieria è in crisi. Si vede qualche artigiano cinese, come al Borgo Bello. Bisogna accontentarsi.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MESTIERI SCOMPARSI. "Donne, è arrivato l’ombrellaio, è arrivato l’arrotino" grido d'antan. Intervista a uno degli ultimi "reduci"

PerugiaToday è in caricamento