Rischio alluvioni, il Tevere fa meno paura: Villa Pitignano messa in sicurezza

I lavori di consolidamento e di messa in sicurezza sono ufficialmente terminati e il sopralluogo di questa mattina ha dato esito positivo. Alla verifica ha partecipato l'assessore regionale all'ambiente, Silvano Rometti

Il Tevere in piena

Ora sono più sicuri i territori che si affaccianno sulla sponda destra del fiume Tevere nella zona di Villa Pitignano dopo le frane e i cedimenti causati da due diversi alluvioni verificatesi nel novembre del 2012 e nel febbraio i quest'anno. I lavori di consolidamento e di messa in sicurezza sono ufficialmente terminati e il sopralluogo di questa mattina ha dato esito positivo. Alla verifica ha partecipato l’assessore regionale all’ambiente, Silvano Rometti, accompagnato dai rappresentanti della Provincia di Perugia. 

“La Regione Umbria – ha sottolineato Rometti – ha messo in atto un intervento organico che ha consentito di mettere in sicurezza dal rischio idraulico i centri abitati lungo l’asta del Tevere e che si va ora così completando. Si è cominciato con gli interventi nei tratti maggiormente critici, a Deruta e Torgiano, per proseguire con Ponte Pattoli, Ponte San Giovanni e Villa Pitignano, ultimato ora. È in corso la gara per il tratto che interessa Ponte Valleceppi, mentre si stanno definendo gli ultimi aspetti tecnici relativi all’intervento previsto a Pian di San Martino, nel territorio comunale di Todi”. 

Nel tratto lungo la strada comunale dello Spinello tra Ponte Pattoli e Ponte Felcino dove i fenomeni franosi erano stati più intensi, l’assessore Rometti ha potuto constatare che si è provveduto al riempimento dell’area di frana, fino a  ricostituire l’originaria sagoma della sponda destra del fiume, per una lunghezza di circa 80 metri; è stata realizzata una difesa idraulica in pietra e, nel tratto di alveo vicino alla sponda danneggiata, è stato rimosso il consistente accumulo di materiale alluvionale che ostacolava il regolare afflusso delle acque. 

“Le opere eseguite – ha rilevato Rometti – sono di particolare importanza poiché hanno permesso il ripristino della sicurezza idraulica ed eliminato le condizioni di rischio per la stabilità della strada comunale vicina alla sponda e la sicurezza della circolazione stradale. L’intervento era stato infatti inserito fra le opere urgenti e indifferibili”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quanto è avvenuto, e si ripete in questi giorni in altre aree del Paese, dimostra quanto sia fondamentale la prevenzione e una costante attenzione alle situazioni di criticità e di rischio idrogeologico. Ora speriamo che i centri abitati lungo il Tevere siano più sicuri e a prova di esondazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carlo Acutis, tante le richieste di visita: posticipata la chiusura della tomba del beato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento