menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Monastero di S. Caterina delle benedettine a Perugia

Monastero di S. Caterina delle benedettine a Perugia

L'11 luglio Perugia celebra la festa di san Benedetto da Norcia

Celebrazioni nell'anno del 50° anniversario della sua proclamazione a Patrono d'Europa (1964-2014) con la comunità monastica delle Benedettine in Porta Sant'Angelo

Sarà il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti a presiedere la celebrazione eucaristica della festa liturgica di san Benedetto (Norcia 480 - Montecassino 547) del prossimo 11 luglio (ore 18.30) nel Coro del Monastero di “Santa Caterina” delle monache Benedettine in Perugia situato in corso Garibaldi 179, nello storico e suggestivo quartiere di Porta Sant’Angelo. 

L’occasione è il 50° anniversario (1964-2014) della proclamazione di san Benedetto a Patrono d’Europa avvenuta con la lettera apostolica Pacis nuncius di papa Paolo VI del 24 ottobre 1964. La S. Messa sarà animata con la musica del canto gregoriano, la Messa degli Angeli, e verrà elevata una preghiera per l’Europa. Precederà la celebrazione, alle ore 18, una breve lezione del medievalista Franco Mezzanotte dal titolo: “L’Europa dei monaci: l’influsso del monachesimo nella formazione dell’Europa”.

«La presenza e presidenza del cardinal arcivescovo Bassetti – commenta mons. Elio Bromuri, vicario episcopale per la cultura – rende questa celebrazione particolarmente solenne e costituisce, in questo momento difficile, un forte richiamo a non “voltare le spalle” all’Europa per quello che rappresenta come progetto di collaborazione e di pace tra i popoli».

Mons. Bromuri ricorda in che contesto cinquanta anni fa san Benedetto fu proclamato Patrono d’Europa: «L’occasione del “breve” pontificio – spiega il sacerdote – è stata la consacrazione del tempio di Montecassino avvenuta al termine della ricostruzione della famosa abbazia, dovuta a seguito dei bombardamenti che l’avevano distrutto. Nel documento Paolo VI indica come segni unificatori del continente europeo portati da san Benedetto la croce, il libro e l'aratro. Tre simboli della grande opera dei monaci per la costruzione della civiltà europea, che rimangono punti di riferimento e profezia del suo futuro. Nel documento si ricorda che anche Paolo VI aveva chiamato san Benedetto, “Padre dell’Europa”».

La madre badessa suor Caterina e la sua comunità monastica hanno invitato a partecipare alla festa di san Benedetto tutti i fedeli perugini, in particolare agli abitanti del quartiere di Ponta Sant’Angelo-corso Garibaldi, dove questa comunità religiosa è presente sin dalla metà del secolo XVII; prima viveva fuori le mura medioevali, a circa mezzo miglio da Porta Sant’Angelo, nel Monastero di “Santa Caterina” detto “Vecchio” (sec. XIII), nelle vicinanze di Monte Ripido.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento