menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La sfida dei writers: colossale scritta Reds al Mercato Coperto, caccia al vandalo

Hanno realizzato una scritta di dimensioni colossali sulla schermatura del ponteggio allestito per i lavori al Mercato Coperto. Devono averlo fatto durante la notte, salendo sulle impalcature ed esponendosi pure a qualche rischio

Hanno realizzato una scritta di dimensioni colossali sulla schermatura del ponteggio allestito per i lavori al Mercato Coperto. Devono averlo fatto durante la notte, salendo sulle impalcature ed esponendosi pure a qualche rischio.

Quella scritta non si può definire “art street” né graffitismo. Il banalissimo grafema, vergato in vernice spray bianca, recita semplicemente Reds!, con tanto di punto esclamativo. A indicare, come si dice nel mondo dei writer, un “battezzo”, ossia la presa in possesso di un territorio, il controllo di una superficie, sulla quale altri non possono intervenire, secondo una regola non scritta, ma comunemente accettata.

L’iscrizione è recente, analoga (ma la grafia un po’ diversa) a quella che campeggia, da anni, sulla superficie plastica della barriera antirumore (sopra il guard rail ligneo) posizionata in via Ripa di Meana, nei pressi dell’ex manicomio, vicino al parco di Santa Margherita.

Il riferimento è oscuro. Non si tratta, infatti, dell’imbrattatore seriale, che si firmava Red, autore degli scempi mastodontici in tutta la città. Costui, tre anni fa, fu intercettato (tramite le telecamere di controllo) dopo lunghi appostamenti della Municipale, e inquisito per i molteplici danneggiamenti inferti a proprietà pubbliche e private. Con lui due ragazzetti, denunciati al tribunale dei minori.

Escluso dunque che si tratti di Red, il famigerato “rosso”. In questo caso, evidentemente, l’imbrattatore è un altro e il danno prodotto è sostanzialmente inconsistente. Dato che quei tessuti, allo smontaggio del cantiere, vanno in discarica.

Più che di un danno o di uno sfregio, si tratta di una sfida, di un dispetto di carattere infantile. Un po’ come la scritta poco sotto, Fcu vergata proprio sulla parete del tribunale lungo via XIV Settembre. Ci sono modi diversi di manifestare il disagio giovanile, che non scarabocchiare in maniera sterile e incivile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento