rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Cronaca Centro Storico / Piazza Italia

Il fascino fuorilegge al mercatino dell'usato: il Duce vende ancora tantissimo

Gli affari vanno a gonfie vele e il Duce, a sorpresa (ma mica tanto), spiazza tutti e fa realizzare affari d’oro

Perugia: giardinetti Carducci e piazza Italia, Mercatino dell’ultimo week end del mese. Gli affari vanno a gonfie vele e il Duce, a sorpresa (ma mica tanto), spiazza tutti e fa realizzare affari d’oro. Alla faccia della Boldrini e delle sue posizioni “negazioniste”, dice un arguto venditore di cimeli. Che racconta: “Stamattina mi si è avvicinata una signora: mi ha chiesto, perentoriamente, di togliere quella testa bronzea del Duce. Di bronzo ce l’ha lei, la faccia! Io non faccio apologia di niente e di nessuno: mi limito a vendere opere d’arte”.

Poi spiega che quell’opera in mostra è un pezzo unico degli anni Trenta. “Un cimelio da collezione – spiega – perché si tratta di una fusione ‘a cera persa’, unica e irripetibile per definizione”. Chiediamo: “Il pubblico perugino è interessato a questo genere di prodotto?”. “Certamente – risponde – e non si tratta necessariamente di nostalgici, ma di collezionisti. Questo che vede non è un ricordino il plastica o un ‘santino’, ma un’opera ad alto valore aggiunto di carattere storico e artistico”.

Quando poi il cronista gli fa notare che proprio dall’albergo Brufani, lì di fronte, partì la storia Marcia sulla capitale, quel 28 ottobre 1922, il bancarellaro reagisce. “Allora, bisogna che alzi il prezzo!”, esclama. Perché, quanto costa l’opera? “Sono in trattativa con almeno tre clienti. Chiedo intorno a mille euro. Ma, adesso che so questa cosa della partenza della Marcia da Perugia,  dovrò alzare un po’ il prezzo!”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il fascino fuorilegge al mercatino dell'usato: il Duce vende ancora tantissimo

PerugiaToday è in caricamento