menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corsa contro il tempo, il paziente sta male e il medico passa con il rosso: il giudice annulla la multa

Il medico, dopo aver preso una salata multa, ha invocato lo "stato di necessità". Accolto il ricorso dal Giudice di pace

Annullata la multa a un medico che, per salvare la vita di un paziente, passò con il semaforo rosso. Il Giudice di pace ha così accolto il ricorso del professionista, che, invocando lo “stato di necessità” , si è visto annullare la sanzione amministrativa di 150 euro.

La vicenda ha inizio a maggio di quest’anno: un paziente di circa 50 anni, all’uscita dalla palestra, inizia ad accusare un malore al petto. Decide repentinamente di telefonare al medico di fiducia per avere un primo consulto. L’uomo, che nel frattempo stava cenando in una pizzeria a poca distanza, non ci pensa due volte e si fionda in auto in suo soccorso fuori dalla palestra in questione, dicendogli di non mettersi alla guida dell'auto e di aspettare il suo arrivo. E’ una corsa contro il tempo perché il paziente potrebbe avere bisogno dell'ambulanza: al semaforo di via dei Filosofi, all’intersezione con via della Pallotta, decide quindi di sfruttare quei pochi , preziosi minuti e di passare con il rosso, andando così incontro alla sanzione amministrativa di oltre 150 euro. 

Il medico, conscio del suo buon operato, attraverso i suoi legali Donatella Panzarola e Matteo Quagliarini, decide di far ricorso e di contestare la multa, producendo anche documentazione medica del suo paziente (il quale fu sottoposto a una serie di accertamenti dopo il malore di quella sera). Il giudice Liosi, ritenendo  sussistente la “scriminante putativa, ha quindi dato ragione al medico, che si è visto accogliere il ricorso annullando la multa e i punti decurtati dalla patente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento