menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maxi truffa milionaria, imprenditore umbro stanato dalla Guardia di Finanza: mega sequestro

Secondo le indagini dei finanzieri, l'imprenditore umbro sarebbe stato il "dominus" della truffa. Una figura apicale che avrebbe architettato la truffa ai danni di una società per azioni

C'è anche un imprenditore umbro coinvolto nella maxi inchiesta sul territorio nazionale della Guardia di Finanza, coordinata dalla procura di Isernia che nelle ore corse ha notificato tre avvisi di garanzia nei confronti anche di un altro imprenditore e un professionista, procedendo anche a un sequestro di beni per circa 2 milioni di euro.

Secondo le indagini dei finanzieri, l'imprenditore umbro sarebbe stato il "dominus" della truffa. Una figura apicale che avrebbe architettato la truffa ai danni di una società per azioni e dei suoi soci,  mediante falsa documentazione bancaria di un realizzando finanziamento a favore dell'acquirente del pacchetto azionario stimato in circa un milione di euro e predispondendo poi una particolare transazione azionaria " contro garanzia" che ha permesso l'acquisizione dell'intero capitale sociale dell'amministrazione unica della società. Estromettendo, così, anche i soci dalle quote della società. Il "progetto", stando alle indagini, si sarebbe perfezionato grazie al coinvolgimento di imprenditori e intermediari finanziari.

Documentazione bancaria, che secondo le indagini, risponderebbe del reato di falsità ideologica. Il provvedimento giudiziario eseguito ha permesso di sequestrare beni mobili e immobili nelle province di Campobasso, Isernia e Molise. L'imprenditore umbro, con alle spalle alcuni reati per reati tributari e societari , avrebbe perpetrato diverse truffe milionarie ai danni dello Stato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento