Massimiliano Donnari porta nel mondo la sua Perugia con opere ironiche e stupefacenti

Massimiliano Donnari è un artista atipico: un uomo d’affari che si sdoppia, cercando la sua ora d’aria nello studio-atelier, dove realizza specialissime opere materiche

Massimiliano Donnari è un artista atipico: un uomo d’affari che si sdoppia, cercando la sua ora d’aria nello studio-atelier, dove realizza specialissime opere materiche. Sono lavori intrisi di intelligente ironia. Ritratti di personaggi del mondo dell’arte e della comunicazione, realizzati con bric-à-brac di monetine, oggetti in disuso, materiali di scarto riportati a dignità. Così incontriamo la Vanoni o Elisabetta d’Inghilterra. 

Tutti contestualizzati in una dimensione che evoca il brand “Incoscienza dell’essere”, intesa come “inconsapevolezza” o anche, riprendendo il detto perugino, “in coscienza”. A significare: io li vedo così. Demistificati, calati in una dimensione che più umana non si può. Insomma, ironia anche nel titolo dell’esposizione, in ironico richiamo all’“insostenibile leggerezza” di Kundera che per Mamo diventa “leggerezza tangibile”.

Autodidatta e sperimentatore, Massimiliano ha cominciato solo da un paio d’anni, a le sue opere sono già un must. La mostra da Artemisia è stata un successo strepitoso… in tempi nei quali non si vende uno spillo. Nel finissage della mostra, Mamo ha riproposto una nuova figurazione dell’avvocato Gianni Agnelli (foto), visto che la prima versione era stata prontamente acquistata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Auguri a questo artista per autentica passione che porta in giro per qualificate Gallerie il nome e l’immagine di Perugia. Mamo si è infatti divertito anche a rappresentare il Generale della musica (a simboleggiare Umbria Jazz) e il Generale della Cioccolata. Ed è inutile citare i fin troppo noti riferimenti identitari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • IMPORTANTE E' stato ritrovato a Perugia un Gatto del Bengala: si cerca il proprietario

  • Due giovani imprenditori umbri coraggiosi: nuova apertura a Perugia in centro storico

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento