Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

La donna si è salvata fingendosi morta. Poco prima la chiamata alla figlia: "Chiama il 118, sto morendo"

Massacra la madre a mani nude e cerca di bruciarla viva con cherosene e sigaretta, poi scappa. Catturato e arrestato da polizia e carabinieri. E' successo a Corciano. Il 25enne, che secondo la ricostruzione di carabinieri e polizia da circa 4 anni risulterebbe soffrire di patologie legate a disturbi della personalità, è stato rinchiuso del carcere di Capanne e sottoposto Fermo di Polizia Giudiziaria poiché gravemente indiziato di delitto per il reato di tentato omicidio aggravato e tentato incendio. Alla base dell'aggressione ci sarebbero dei motivi economici. 

Secondo la ricostruzione di carabinieri e polizia tutto è cominciato con una lite nel pomeriggio tra la 60enne di origini marocchine e il 25enne in giardino. E la situazione è degenerata. L'uomo l'ha spinta facendola cadere a terra e costringendola a rifugiarsi dai vicini.

Poche ore dopo, il 25enne ha di nuovo aggredito la madre. La donna si è chiusa in camera e ha chiamato la figlia, supplicandola di chiamare il 118 perché "stava morendo". Ma l'uomo non si è fermato, è riuscito ad entrare in camera e si è avventato sulla madre. Ha massacrato la 60enne a calci e pugni. Poi l'ha cosparsa di cherosene e ha cercato di darle fuoco con una sigaretta. Ma l'incendio non è divampato e lui ha continuato a pestare a sangue la madre. La donna si è salvata fingendosi morta ed è stata trasportata in codice rosso all'ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La figlia 22enne della donna ha detto ai carabinieri accorsi sul posto che il fratello era il responsabile della violenta aggressione subita dalla madre. E lo ha descritto. Così è partita la caccia all'uomo di carabieri e polizia. La mattina dopo il 25enne è stato individuato dalla Volante in un giardino di una abitazione. Gli agenti lo hanno circondato e bloccato. Non ha opposto resistenza. Ora è nel carcere di Capanne. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento