Pesta a sangue la compagna per anni e le frattura la mandibola: 24enne salvata dalla mamma

Manette ai polsi per un peruviano. Violenze brutali anche davanti al figlio di tre anni. All'arrivo i carabinieri trovano la ragazza per strada coperta di sangue

La pestava di continuo. Giù, botte da orbi. Anche davanti al figlio piccolissimo. Perché? Era geloso. Fortunatamente la mamma di lei ha chiamato i carabinieri di Todi per chiedere aiuto. Così i militari della stazione di Spina hanno potuto mettere fine a quell'inferno.

La ricostruzione degli uomini dell'Arma comincia con una richiesta di auto che arriva alla Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Todi. A parlare è una donna straniera che segnala ai militari che la figlia, abitante a Marsciano nella frazione Castiglione della Valle, era stata pesantemente malmenata dal compagno. I carabinieri si fiondano sul posto e trovano in strada una giovane donna di 24 anni, di origini albanesi. Il volto tumefatto e un taglio al sopracciglio destro a testimoniare la violenza subita.

La donna, impaurita e tremante, in un primo momento non ha alcuna intenzione di raccontare ai carabinieri quanto le fosse accaduto , né di di recarsi in ospedale per le cure del caso. Fortunatamente ci ripensa, si calma e racconta ai militari che il compagno, un ventiseienne di origini peruviane, l'aveva appena picchiata selvaggiamente, per motivi di gelosia, alla presenza del figlio di appena tre anni. E questo era solo l’ultimo di una lunghissima serie di episodi di violenza, che subiva da alcuni anni.

La donna è stata poi portata al Pronto Soccorso dell’ospedale della Media Valle del Tevere di Todi, dove i sanitari hanno riscontrato numerose ecchimosi, una ferita lacero contusa al sopracciglio e una frattura della mandibola. La ragazza adesso è ricoverata in attesa di essere sottoposta a un intervento chirurgico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri di Spina, dopo le verifiche del caso, hanno arrestato il peruviano con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali gravi. Convalidato l’arresto, il Gip del Tribunale di Spoleto ha disposto nei confronti del peruviano l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • La Usl Umbria 1 vende 24 auto, come fare un'offerta per partecipare all'asta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento