menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marsciano, il riciclaggio si insegna a scuola: viva il binomio ragazzi-ambiente!

“Riciclo che classe!”, un’iniziativa didattica di promozione alla raccolta differenziata rivolta alle scuole (infanzia, primaria e secondaria di primo grado) che ha coinvolto anche il comune di Marsciano nel quale opera SIA (società di igiene ambientale) e dove gli alunni hanno vissuto una divertente esperienza formativa. Il contesto davvero speciale, un’ "aula verde" allestita per un'intera settimana, dal 5 al 13 Aprile, all’interno di un ex tabacchificio, per far rivivere anche i luoghi che hanno segnato la storia e lo sviluppo delle comunità locali. 

Si è parlato di rifiuti, dell’importanza di non considerarli tali, ma come oggetti e materiali da non sprecare. Il concetto di economia circolare è stato illustrato ai giovanissimi allievi con una metodologia ispirata alla creatività, quanto di più attinente per sollecitare attenzione intorno al tema del riciclo. L’educazione ambientale è stata recentemente riconosciuta materia scolastica obbligatoria nei piani didattici a livello statale in quanto strumento di diffusione della qualità dell’esistenza e del senso civico. Educare al rispetto della natura, al decoro, alle buone pratiche, al consumo ed all’uso responsabile, significa garantire, con ogni gesto, un momento di attenzione al futuro. 

L’esperta ambientale di SIA Laura Marconi ha proposto, nel programma didattico, anche un'analisi merceologica per far conoscere, in diretta, gli errori da evitare e, soprattutto, il valore dei rifiuti come risorse. La migliore risposta è arrivata, come sempre, dall’entusiasmo dei bambini e ragazzi presenti, felici di poter avere la possibilità di interagire tra materia e spazio ludico, di diventare protagonisti dei processi comunicativi, di scoprire come, un semplice barattolo, si possa trasformare grazie all'intervento della propria fantasia. Ed il messaggio più importante è passato con forza: ogni piccolo gesto è un momento di attenzione al futuro. 

Il progetto “Riciclo che classe!”, si è svolto con interventi itineranti in diversi comuni della regione, l’intento è stato quello di stimolare l’apprendimento sulla classificazione dei materiali e sulla loro utile differenziazione. Per fornire un valido supporto logistico alle scuole, le lezioni sono state organizzate in “aule verdi", ovvero, siti alternativi ed esterni all’aula scolastica, più a contatto con la natura. Teoria, pratica e laboratorio ecologico, ogni lezione della durata di un’ora e trenta minuti, una didattica diversificata per fasce di età, ed infine, trasporto e materiale fornito gratuitamente dai promotori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento