menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Famiglia rientra da fuori regione a Marsciano: multa e quarantena. Il sindaco: "Così si rischia di vanificare i sacrifici dei cittadini"

Il fatto è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri. La scoperta fatta dalle forze dell'ordine. I provvedimenti adottati

Dopo due mesi di blocco, mille norme, conferenze stampa a reti unificate e milioni di appelli anti-contagio, succede ancora questo: una famiglia intera - 5 componenti - da fuori regione è tornata a Marsciano dove ha la residenza. La scoperta è stata fatta nella tarda serata di ieri dalla rete dei controlli messa in atto dal sindaco Mele insieme alle forze dell'ordine e la polizia municipale. Lo spostamento è in violazione della vigente normativa per il contenimento della pandemia e, quindi, è stata elevata una pesante sanzione amministrativa.

La famiglia, inoltre, è stata oggetto oggi di una ordinanza del sindaco Francesca Mele: isolamento domiciliare per i 5 componenti, fermo restando che a carico di nessuna delle persone coinvolte risultano pregressi provvedimenti di quarantena. La misura attivata dal sindaco interviene, quindi, in via cautelativa e preventiva sempre al fine di tutelare la salute pubblica e attuare le più idonee ed efficaci strategie per il contenimento del
rischio di contagio.

“Ci troviamo – afferma il sindaco Francesca Mele – a intervenire su un nuovo episodio di violazione delle limitazioni agli spostamenti delle persone, che rischia di vanificare i sacrifici che tutta la popolazione ha fatto e continua a fare per impedire la diffusione del coronavirus. La quarantena, che interviene tempestivamente, ci permetterà di monitorare e contenere eventuali rischi e saranno immediatamente attivate anche tutte le misure di profilassi sanitaria necessarie e previste dalle stesse normative”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento