Marsciano, ricostruzione terremoto: comune in tenda per protesta

Il comune di Marsciano organizza una protesta pacifica contro il silenzio del Governo nazionale sul tema della ricostruzione post terremoto

Il comune di Marsciano protesta contro il Governo

Il Comune di Marsciano protesta contro il silenzio del Governo centrale sulla ricostruzione post terreomoto, attraverso una singolare iniziativa.

Infatti, una tenda, che sarà montata a Spina nella mattinata di sabato 17 settembre, ospiterà il sindaco, Alfio Todini e alcune attività amministrative del Comune. Il sit-in scaturisce dalla bocciatura della Commissione Bilancio della Camera, dell’emendamento alla manovra sullo stanziamento di 60 milioni di euro per la ricostruzione di Marsciano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidio resterà attivo fino a quando non sarà raggiunto l’obiettivo della convocazione, da parte del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, dell’incontro con Comune, Regione Umbria, Dipartimento di protezione Civile e ministero del Tesoro per programmare lo stanziamento dei fondi da parte del governo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 26 maggio: un nuovo positivo su 1097 tamponi

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

Torna su
PerugiaToday è in caricamento