menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La banda degli studenti da Perugia a Marsciano in bus: furti in serie

Rubavano andando in trasferta sfruttando le corse degli autobus extra-urbane. Riuscivano a trafugare molti oggetti in vari negozi della città. Traditi da un commesso che li aveva puntati dopo una serie di ammanchi nelle settimane scorse

Una banda di studenti, residenti a Perugia e insospettabili, sono stati fermati dai Carabinieri di Marsciano dopo una serie di furti portati avanti per diverso tempo in alcuni negozi di Marsciano. In manette sono finiti quattro giovani ed è stato denunciato un minorenne.

Nella mattinata del 14 gennaio, i Carabinieri della Stazione di Marsciano sono intervenuti in un negozio di elettrodomestici in un centro commerciale del posto, dove un dipendente aveva notato una coppia di giovani che aveva rubato e nascosto alcuni oggetti per giochi elettronici ed altoparlanti. Fuori ad aspettarli c'erano anche altri tre giovani, tra cui un minore, su cui i militari hanno voluto valutare anche le loro posizioni in merito al furto. 
 
Dalle ulteriori attività d’indagine si è scoperto che i cinque giovani si conoscevano e facevano parte di uno stesso gruppo che, già dal pomeriggio precedente, da Perugia aveva raggiunto Marsciano a bordo di un pullman di linea, per effettuare una serie di furti. I giovani ladri avevano rubato in un negozio di abbigliamento; una gioielleria, dove avevano asportato diversi bracciali e portachiavi; un negozio di utensileria, dove avevano sottratto pinze e taglierini, utilizzati poi per  altri furti; nel negozio di elettrodomestici. La refurtiva, interamente recuperata, è stata subito restituita ai legittimi proprietari. 

Gli autori dei furti in questione - tutti studenti, due dei quali universitari, residenti a Perugia ed incensurati – erano tre diciannovenni (due donne ed un uomo) di origini peruviane, un coetaneo di origini ecuadoregne ed un sedicenne nato anch’egli in Perù. I quattro maggiorenni sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato e continuato, mentre il minore è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Perugia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento