menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Migliaia di persone in marcia: da Perugia ad Assisi per la pace nel mondo

I partecipanti si sono ritrovati alle 9 di questa mattina ai Giardini del Frontone di Perugia. La presidente Marini: "“Condivido con voi lo spirito di questa marcia"

In migliaia si sono dati appuntamento per prendere parte alla marcia per la pace da Perugia verso Assisi, iniziata alle 9 ai Giardini Carducci nel centro storico del capoluogo per proseguire poi fino alla città serafica. Alle ore 13.00 è prevista la tappa alla Basilica di Santa Maria degli Angeli, alle 14.00 in Piazza inferiore di San Francesco, dopo un'ora circa arrivo arrivo alla Rocca Maggiore di Assisi e inizio della manifestazione finale. Ore 16.30: Conclusione della manifestazione.

“Ancora una volta da Perugia parte la nostra marcia in nome di Aldo Capitini e di quel gruppo di intellettuali che vollero unire Perugia ad Assisi in nome di un impegno a difesa della e nella partecipazione popolare e anche oggi in un mondo dove sempre di più i rischi di guerra minacciano popoli e cittadini, pensiamo al nostro vicino Medio Oriente e della Siria e agli attacchi terroristici nel cuore non solo dell'Europa ma del resto del mondo ci impone un impegno concreto anche delle istituzioni territoriali e locali”. È quanto affermato dalla Presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, nel corso del suo saluto alle migliaia di partecipanti alla Marcia della pace, che vede la presenza di migliaia di ‘marciatori’”.

La presidente Marini ha voluto ricordare come “da sempre la Regione Umbria è al fianco della Marcia, ne condivide l’impegno, ne sostiene lo sforzo. Ma anche l’attenzione che quest'anno la Marcia ha voluto riservare ad ogni forma di violenza, dedicando uno spazio alle donne vittime di femminicidio, così come al drammatico fenomeno della migrazione di migliaia di persone che fuggono da aree di conflitti e povertà”.

  “Condivido quindi lo spirito di questa marcia che ci richiama tutti ad un impegno concreto e quotidiano, perché la costruzione della pace è una costruzione quotidiana che nasce dalla condivisione dei valori, che nasce dalla cultura, che nasce dall'impegno nelle scuole e nella società. Quindi benvenuti ancora una volta in Umbria, benvenuti a Perugia, benvenuti ad Assisi. Benvenuto a questo grande popolo della pace, che è fatto di associazioni di volontariato ma, soprattutto - ha concluso - di tanti cittadini che spontaneamente aderiscono”.

Quest'anno il cammino di pace è rivolto "Contro le guerre, che inquinano i popoli di odio e la Terra di armi; implorano pace i nostri fratelli e sorelle che vivono sotto la minaccia dei bombardamenti o sono costretti a lasciare casa e a migrare verso l'ignoto, spogliati di ogni cosa. Essi incontrano troppe volte il silenzio assordante dell'indifferenza, l'egoismo di chi è infastidito, la freddezza di chi spegne il loro grido di aiuto con la facilità con cui cambia un canale in televisione". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento