PERUGIA ABBANDONATA la mappa creata dai cittadini che svela i luoghi da riqualificare

Sono tanti gli edifici e i parchi segnalati nella mappa dal titolo "I luoghi abbandonati di Perugia". Un'iniziativa nata con l'intento di mettere in luce quelle zone, non solo da salvare, ma anche da rivalutare dandogli una destinazione ben precisa

Una mappa con uno scopo ben preciso: segnalare i posti abbandonati della città e che non hanno una destinazione d’uso. A crearla i cittadini, sempre più attenti e interessati al futuro di Perugia. Un click, la zona precisa, alcune informazioni e il gioco è fatto.

In tutto 19 le zone segnalate al momento e trattandosi di edifici e parchi, effettivamente non sono poi pochi. Ma andando nello specifico si scopre che i pallini rossi sono si trovano principalmente nel cuore della città.

In via del Forte, ad esempio, vengono segnalati gli ex magazzini Coin, mentre in piazza Danti soffia il vento della nostalgia con il pallino rosso sull’ex cinema Turreno. In via Fiorenzo di Lorenzo è indicato l’ex anagrafe, fuori porta Eburnea, e l’ex carcere.

A fare la sua comparsa nella mappa anche il Mercato Coperto, considerato dagli utenti praticamente abbandonato perché utilizzato solo per il 10 per cento della sua potenzialità. A piazzale Bellucci lasciati a se stessi sono invece i magazzini davanti alla stazione Sant’Anna. In corso Garibaldi l’ex distretto militare, mentre in via XIV Settembre una casa semicrollata nel parco Santa Margherita.

Ma se non tutto è perduto, c’è chi segnala anche ciò che è direttamente da riqualificare come parco Sant’Anna, i giardini delle Canapine e la discutissima cascina abbandonata, meglio nota con il nome di Villa Nanni, nel parco Chico Mendez. Insomma una Perugia cosparsa di palle rosse in una mappa che parla da sola e che non ha bisogno di comenti con dei cittadini che urlano una semplice parola : “Riqualificazione”.

Ma a non rimanere fuori dal problema è anche la periferia. A Ponte Valleceppi lungo il Tevere pare che via un’altra casa abbandonata, mentre a Ponte san Giovanni non resta che rimanere a vedere le macerie di quello che rimane della pasticceria Ponte. Per spingersi poi fino a Ripa dove appare, cliccandoci sopra, i giardini del Frontone. Insomma, periferie, strade nascoste e parchi. Tutti presenti e nessun escluso sulla mappa. I pallini dell’abbandono aumentano, complice forse un gruppo Facebook “PERUGIA lavori PUBBLICI”, dove la denuncia è all’ordine del giorno e la parola riqualificazione quasi sempre presente su ogni post.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed è proprio in questo gruppo che chi vuol segnalare ciò che non va può farlo, magari proponendo qualche soluzione come fanno prontamente gli iscritti al gruppo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescara-Perugia 2-1, al posto di Oddo parla Goretti che accusa: "Sottil antisportivo"

  • Serie B, Perugia-Pescara 4-5 ai rigori: l'incubo si avvera, il Grifo torna in C

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Questo matrimonio non si deve fare, intervengono i Carabinieri e sventano le nozze combinate

  • Coronavirus in Umbria, quattro bambini positivi: "Tutti asintomatici e in isolamento"

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 13 agosto: sette nuovi positivi e un nuovo ricoverato in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento