Piazza Italia, Polizia e Guasticchi contro i tagli del Governo

Martedì mattina un presidio dei sindacati di polizia a Piazza Italia ha protestato insieme al Presidente della Provinvia Marco Vinicio Guasticchi contro i tagli del Governo alle forze dell'ordine

Guasticchi tra i manifestanti

Chiedono provocatoriamente una donazione di fondi per l’acquisto di benzina, per la difesa e per il soccorso pubblico. Sono i rappresentanti della Polizia di Stato, della Polizia Penitenziaria, del Corpo Forestale dello Stato e dei Vigili del Fuoco che protestano contro la scure dei tagli lineari non mirati contro gli sprechi e le duplicazioni.

Il presidio di protesta dei sindacati di polizia, attivato stamani in Piazza Italia, ha avuto il sostegno del presidente della Provincia di Perugia, Marco Vinicio Guasticchi il quale concorda pienamente con le azioni messe in campo contro questi tagli che, come affermano i rappresentanti del comitato, azzerano completamente anche le risorse necessarie ad acquistare la benzina per far girare  le auto delle forze dell’ordine e del soccorso pubblico che garantiscono la sicurezza e la incolumità dei cittadini.

“Come Provincia, ritengo doveroso offrire pieno sostegno alla protesta – afferma Guasticchi – Come Ente abbiamo fatto scelte precise e messo al primo posto l’esigenza di sicurezza e di legalità che in questo momento è ancora più pressante. Per questo, abbiamo praticamente raddoppiato l’organico del nostro Corpo di Polizia Provinciale, dotandolo anche di una nuova Centrale operativa  che entrerà in funzione il prossimo mese di novembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questi tagli – ha aggiunto il presidente – vanno a colpire strumenti indispensabili che sono a garanzia della sicurezza di tutti noi. Sicurezza che deve essere al primo posto in un paese civile e moderno: colpire in questa direzione, con la scure dei tagli, equivale ad un arretramento delle garanzie alla base di una società civile, con un ulteriore disorientamento della percezione di sicurezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 luglio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento