menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Violenza in casa, maltratta gli anziani genitori e li costringe a chiudersi a chiave in camera

L'accusa è maltrattamenti in famiglia. Ora per l'imputato pende una richiesta di rinvio a giudizio

Violenze fisiche e psicologiche contro gli anziani genitori. È questa l’accusa a carico di un uomo residente nel perugino imputato per maltrattamenti in famiglia e su cui ora pende una richiesta di rinvio a giudizio. Secondo quanto formulato nel capo d’imputazione, l’uomo avrebbe abusato delle precarie condizioni e dell’età dei genitori per mettere in atto un atteggiamento minaccioso ed aggressivo.  In particolare, secondo l'accusa, avrebbe percosso la madre e provocandole delle lesioni, ma senza ricorrere alle cure dei sanitari per paura di un eventuale ritorsione.

Una convivenza divenuta insostenibile nel tempo, come quando – senza nessun apparente motivo – l’imputato avrebbe danneggiato mobili e suppellettili della casa, arrivando a lanciare sedie contro il muro o costringendo i genitori a chiudersi a chiave nella propria stanza. Avrebbe inoltre impedito l'accesso in casa ad un familiare che si occupava dell'assistenza dei genitori e richiesto continuamente denaro alla madre. L'udienza a carico dell'imputato, difeso dall'avvocato Michele Nannarone, è stata riaggiornata al 6 maggio a causa di un difetto notifiche. Le parti offese sono rappresentate dall'avvocato Longo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento