menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltempo, task-force al lavoro a Perugia: strade riaperte e la piena è passata

Si attendono ulteriori e locali piogge, ma per le prossime ore, i rischi legati alla piena del Tevere sono superati. Ecco quali strade riaperte dopo la caduta degli alberi e delle frane. Problemi ancora zona San Marco e Cenerente

Sono state riaperte quasi tutte le strade che ieri - 11 novembre - erano state chiuse, dopo i danni causati dal maltempo delle ore scorse. La conferma arriva dal vicesindaco Nilo Arcudi che fa il punto sugli interventi realizzati e quelli ancora in corso. Pur in un quadro di miglioramento, si attendono ulteriori e locali piogge, ma per le prossime ore, i rischi legati alla piena del Tevere sono superati.

IL PUNTO SUGLI INTERVENTI - Al momento il personale dell’Agenzia Forestale sta lavorando sul tratto Strada San Marco – Cenerente Torrione, chiuso da ieri a causa della presenza di rami e piante sulla strada. Già ieri si era provveduto alla rimozione delle piante, mentre oggi si sta ripulendo il manto stradale dal fogliame e da altri detriti presenti.

Sono state riaperte al traffico veicolare nella serata di ieri Strada Casaglia (erano caduti a terra 4 alberi e sul posto era intervenuta l’Agenzia Forestale); Via San Giuseppe (era caduto un albero di grandi dimensioni e sul posto aveva lavorato personale del Cantiere comunale); erano state riaperte già nella mattinata di ieri, a seguito di interventi del personale del Cantiere comunale, Via Bonfigli, Via del Giochetto, Via M. Angeloni, Viale Roma, Via San Girolamo. Nel pomeriggio di ieri, disagi erano stati rilevati anche lungo Strada dei Cappuccini, per la caduta di alberi e rami. Immediata la rimozione e, dunque, la riapertura della Via.

I volontari sono stati impegnati, anche la notte, nel monitoraggio del fiume Tevere nei punti più critici. La popolazione residente nelle aree prossime al Tevere è stata allertata con 2 sms sull’eventualità di esondazione e sulla possibilità di reperire i sacchetti di sabbia da sbarramento; attraverso altoparlanti posti su un’auto della Protezione Civile del Comune di Perugia la popolazione delle zone di Ponte Valleceppi, Ponte Pattoli, Ponte Felcino e La Bruna è stata informata circa la possibilità dell’esondazione del fiume.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento