menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assisi, le raffiche di vento ribaltano gommone: salvato gruppo amante del rafting

Sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco per mettere in salvo dalle acque gelide e gonfie del Chiascio. A Spoleto il vento forte abbatte alberi e rami sulla ferrovia

Il forte vento ha causato molti danni e problemi in provincia di Perugia. In particolare Ad Assisi un gruppo di amanti delle rapide sono finiti nelle acque gelide e gonfie (dopo l'alluvione e la neve di questi giorni) del Chiascio dopo che le forti raffiche del vento hanno preso di mira il gommone. Il gruppo è stato salvato dai Vigili del Fuoco: per nessuno dei partecipanti della manifestazione Frantoi Aperti - in calendario una discesa in rafting - è stato necessario il ricovero in Ospedale. 

QUESTA NOTTE (2 DICEMBRE) - Oltre 50 gli interventi effettuati dai Vigili del Fuoco  nella notte a causa del forte  vento per caduta di rami ed in alcuni  casi di piante. Nessun danno a persone. Altre 20 sono le richieste per venute al 115  che sono in fase di esecuzione. Le zone più colpite sono quelle di Perugia, Assisi e Bastia Umbra

SPOLETO - E' ripresa alle 12 del primo dicembre la circolazione ferroviaria sulla Roma-Ancona, interrotta dalle 10 per la caduta, provocata dal forte vento, di alberi e rami sui binari tra Terni e Giuncano di Spoleto. Le squadre di emergenza di Rete Ferroviaria Italiana - riferisce un suo comunicato - sono immediatamente intervenute per rimuovere l'albero ed i rami e verificare le condizioni di sicurezza dell'infrastruttura necessarie per dare il via libera alla circolazione. Due i treni che hanno viaggiato con ritardo a causa dell'interruzione: un Intercity (un'ora e 40) e un regionale (un'ora).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento