Rischia di morire in casa, la polizia sfonda la porta e gli salva la vita

Non rispondeva al telefono da due giorni. Il medico di famiglia chiama la polizia, salvato

Tragedia sfiorata a Perugia. Il medico di famiglia chiama il 113 perché un suo paziente, anziano e malato, da due giorni non rispondeva più al telefono. Così gli agenti della Volante si sono fiondati a San Marco.

Nel cortile di casa hanno trovato l'auto dell'uomo, un perugino di 87 anni, con le portiere aperte e i finestrini abbassati. I poliziotti hanno allertato i vigili del fuoco di Perugia per entrare in casa. Poi hanno sentito un rantolo provenire dall'abitazione e hanno sfondato una porta. E lo hanno trovato. L’anziano, spiega la polizia, era caduto a terra in bagno, probabilmente da un paio di giorni, e presentava segni di disidratazione e alcune ferite. 

Sul posto è intervenuto anche il 118, che ha verificato un possibile trauma cranico per la caduta e trasportato l'anziano all'ospedale Santa Maria della Misericordia per le cure del caso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento