menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Malore durante una nuotata al mare, professoressa perugina in condizioni disperate: "Morte cerebrale"

La docente universitaria si trovava a Fano, quando improvvisamente ha avuto un malore tra le onde. Soccorsa, è stata trasportata in ospedale in gravissime condizioni

Prima il malore in acqua, poi la corsa in ospedale in gravissime condizioni e il ricovero in Terapia Intensiva al Santa Croce di Fano. Ma le condizioni di Monia Andreani, professoressa umbra di 45 anni, Ricercatrice di Bioetica all’Università di Urbino Carlo Bo e di Filosofia Politica all’Università per Stranieri di Perugia, sono purtroppo gravissime e il "quadro clinico non è recuperabile e "l’accertamento di morte cerebrale” è avvenuto ieri,come riportato dal Resto del Carlino.

Una tragedia, quella iniziata sabato pomeriggio mentre si trovava in spiaggia a Sassonia. La docente, amante dello sport e del nuoto, ha deciso di entrare in mare con la muta per fare una nuotata, quando improvvisamente è stata colta da un malore. Quando è stata tirata fuori dall’acqua, le sue condizioni erano già gravi. Alla 45enne è stato praticato il massaggio cardiaco, poi la corsa in ambulanza in condizioni già molto critiche. Ricercatrice di Bioetica all’Università di Urbino Carlo Bo e di Filosofia Politica all’Università per Stranieri di Perugia, è stimata e apprezzata per il suo impegno professionale, ma anche civile. Ora i suoi genitori sono stati messi anche di fronte alla possibilità di un ultimo, grande gesto d'amore, la donazione degli organi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento