menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, controlli al Trasimeno: chi tranquillamente a pesca, chi ai giardini e chi ubriaco

Ben 10 verbali nella solo giornata di oggi. "Tolleranza zero per chi mette a rischio la vita della comunità"

Ancora comportamenti assurdi e ingiustificabili nei comuni dell'area del Trasimeno ai tempi della grave pandemia da coronavirus. In un solo giorno nel comune di Magione sono state elevate 10 multe, da 400 a 3mila euro, per aver violato le leggi anti-contagio. Due residenti di Corciano, approfittando della bella giornata, hanno pensato bene di andare in riva al Lago per una pescata. Ma la loro presenza non è passata inosservata e poco dopo sono arrivate le forze dell'ordine. Quattro ragazzi, maggiorenni, invece sono stati trovati a bivaccare e passare la giornata ai giardinetti. Un uomo invece è stato trovato a piedi lontano dalla propria abitazione completamente ubriaco. 

"Continueremo ad avere una condotta molto severa verso comportamenti così pericolosi per se stessi e per la comunità. Ringrazio le forze dell'ordine e in particolare gli agenti della municipale per il lavoro che stanno svolgendo con generosità e professionalità da settimane": ha spiegato il sindaco Chiodini a nome anche degli altri sindaci che si affacciano sul Lago Trasimeno.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento