menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agello, ubriachi provocano il panico per tutto il giorno: botte, coltelli e danni

Due ucraini hanno accumulato oltre una decine di denunce da altrettanti residenti che sono stati aggrediti - anche con un coltello a serramanico - e hanno subito minacce. Violenza anche contro i Carabinieri che hanno dovuto chiamare i rinforzi

Hanno prima minacciato con un coltello alcuni ragazzi di Agello, poi si sono sfogati con i carabinieri con calci e pugni, dopo hanno praticamente distrutto l'auto dei Carabinieri e infine hanno pensato bene di dare testate contro le porte delle Caserma di Città della Pieve che incontravano durante il loro trasporto. Una notta da incubo per colpa di due stranieri - entrambu ucraini - che hanno tirato fuori il peggio di loro dopo una sbornia colossale. Per fermare ci sono voluti i militari della Stazione di Pozzuolo Umbro e altre due pattuglie partite da Città della Pieve e Perugia. I due arrestati dovranno rispondere di violenza, resistenza e oltraggio, minaccia aggravata e danneggiamento di cosa pubblica.

LA NOTTATACCIA - Il tutto era iniziato con una telefonata da bar “La Sventola”, di Agello, dove era stato comunicato che due giovani stranieri, in evidente stato di ebbrezza ed armati di coltello, avevano minacciato alcuni ragazzi del posto. Alla vista dei militari hanno iniziato a rivolgere a loro frasi ingiuriose e minacciose, scagliandosi furiosamente, con violente strattonate e gomitate per evitare di essere accompagnati in caserma. Uno dei due era armato di un lungo coltello a serramanico.  

La situazione degenerava ulteriormente quando i militari hanno tentato di farli salire sulle auto. I due stranieri, infatti, andavano completamente in escandescenze gettandosi a terra e continuando a tirare calci contro i militari. Una volta a bordo hanno per tutto il viaggio tirato calci e testate all’interno degli abitacoli. A forza di tanta follia e colpi i due balordi si sono feriti alla testa tanto che è stato necessario l'intervento del 118 per prestare alcune cure per ebrasioni si scarsa entità.

I due ucraini, come si è scoperto dalle denunce dei residenti di Agello, hanno molestato, aggredito e minacciato diversi residenti durante anche il pomeriggio dato che avevano già, a quell'ora, bevuto abbondantemente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento