Cronaca Tuoro sul Trasimeno

Madre e figlioletta accoltellate: la ricostruzione della notte di violenza

Il presunto aggressore potrebbe non essersi reso conto di aver ferito anche la piccola: indagini in corso

Non si sarebbe reso conto di aver colpito anche la figlia. Nella furia con la quale si sarebbe scagliato contro la compagna, al culmine di una lite diventata feroce, non si sarebbe neanche reso conto che la più piccola delle bambine della coppia era in braccio alla donna e le coltellete sferrate avevano raggiunto anche lei. Ferite alle gambe per le quali la piccola è stata medicata al pronto soccorso del Santa Maria della Misericordia. Quando si sarebbe accorto che, invece, sotto i fendenti era finita anche la piccola, l'avrebbe presa e portata dai vicini di casa perché venisse curata. A quel punto sarebbe scattato l'allarme, con parenti e vicini di casa che avrebbero dato una spiegazione alle urla sentite provenire dall'abitazione della coppia. Mentre il 34enne, arrestato con l'accusa di tentato omicidio, si dava alla fuga, nella casa di famiglia a Tuoro, arrivavano i soccorsi e i carabinieri che iniziavano la sua ricerca. 

È questa una delle ricostruzioni di quanto accaduto la scorsa notte a Tuoro, dove il 34enne marocchino avrebbe accoltellato compagna e figlia. Forse per errore la bimba, per l'incapacità di accettare la fine la loro storia la donna che è ricoverata in prognosi riservata. L'uomo, rintracciato dopo alcune ore nel centro abitato di Tuoro con i vestiti ancora macchiati di sangue, lunedì sarà interrogato dal gip al quale potrà fornire il suo racconto dei fatti di quella che sembra una notte di insensata violenza. Mentre le indagini dei carabinieri potranno permettere di dare ai fatti la vera ricostruzione dell'accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Madre e figlioletta accoltellate: la ricostruzione della notte di violenza
PerugiaToday è in caricamento