rotate-mobile
Cronaca Gualdo Tadino

Nocera, la favola del lupo Ezechiele: salvato dal veleno ora è nel bosco

Chi era presente a Boschetto, durante il suo rilascio, è convinto che il giovane lupo ha salutato a modo suo chi lo ha salvato: "Dopo essersi allontanato, si è fermato e ci ha guardato"

Forse sarà un po' romanzata, forse perchè in questi giorni di crisi e di stragi tutti sentono il bisogno di qualcosa di magico, di rassicurante; comunque sia chi era presente a Boschetto - frazione tra Gualdo e Nocera Umbria - è convinto che il giovane Ezechiele li abbia salutati e ringraziati per avergli salvato la vita. Detto così di strano non ci sarebbe niente: ma Ezechiele è un lupo umbro dell'Appennino che ha 4 anni di vita ed è stato salvato dall'ennesimo barbaro avvelenamento - ci sono indagini in corso - per un miracolo.

Il presunto lupo cattivo una volta liberato nel suo bosco si è messo a correre e poi però si è fermato e si è girato per guardare quella folla di giornalisti, cittadini e guardie forestali che lo avevano accompagnato per il ritorno alla libertà. E' rimasto fermo e forse ha fissato più di tutti quell'omone di veterinario, Sandro Bianchini, che lo ha curato come fosse un cagnolino docile. Poi Ezechiele se ne è andato ma non più correndo semplicemente camminando. Quegli uomini non gli facevano più paura, forse quasi amici. Chissà se poi le cose stanno veramente così. Ma la certezza è che quel lupo per l'Appennino può essere una grande risorsa naturalistica ed anche turistica. Ciao Ezechiele.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nocera, la favola del lupo Ezechiele: salvato dal veleno ora è nel bosco

PerugiaToday è in caricamento