Omicidio Rosi, Marini: "Nel giorno delle donne, un pensiero per Luca"

Alla luce della rapina di Ramazzano, nella quale Luca Rosi ha perso la vita per difendere la sua famiglia, la presidente Marini diffonde un messaggio sul gesto eroico del ragazzo

Catiuscia Marini ( Archivio )

In occasione dell’8 marzo, giornata internazionale della donna, la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini ricorda Luca Rosi, ucciso in una rapina a Ramazzano: “Luca, un giovane uomo, ha compiuto un gesto antico degli uomini. Ha reagito, mosso dai suoi sentimenti e legami affettivi, per proteggere le donne, le sue donne, la madre e la compagna ed il bambino, suo nipote. È stata per lui una reazione forte, naturale, un gesto guidato dalla profondità dei legami affettivi e sentimentali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma Luca si è trovato di fronte uomini belve infernali, uomini violenti che uccidono senza alcuna pietà umana, incapaci di fermarsi di fronte alla vita delle persone, privi di ogni scrupolo e rispetto. Hanno sparato per uccidere, guidati solo da violenza cieca e barbara, hanno agito con rabbia violenta, puntando anche l’arma sul bambino e forse intenzionati ad aggredire una delle donne"; ha affermato la Marini.

Le donne, spesso-continua la presidente della Regione-conoscono questo volto feroce della violenza maschile: vissuta sui loro corpi, non solo il volto violento degli sconosciuti, ma spesso anche il volto conosciuto di un padre, di un marito, di un compagno, che si fanno belve. Gli uomini non sempre colgono la brutalità della violenza maschile, di cui frequentemente sono vittime donne e bambini. Luca ha visto in volto quella barbarie, ha colto probabilmente nella concitazione dell’aggressione gli obbiettivi possibili proprio nelle persone più care, la madre, la compagna, il piccolo nipotino. Luca ha compiuto un gesto naturale, delicato, affettuoso, ma aveva di fronte a sé uomini privi di ogni vincolo di moralità, feroci e brutali.

Luca ha sconvolto l’ordine immorale dei violenti, il volto dell’umanità gentile di figlio, di zio, di compagno, per il quale il rispetto della vita, delle persone care, dei sentimenti prevale. Luca è stato ucciso con la rabbia che spesso gli uomini riservano alle donne. Luca è morto perché ha provato a difendere da quella rabbia le persone a lui care. Interpretando i sentimenti e la cultura di tante donne, penso sia giusto dedicare questo 8 marzo 2012 a Luca, ed al suo gesto antico e gentile, di rispetto per le donne.

Alla mamma Ilvana, alla compagna Mary, la solidarietà ed il rispetto silenzioso delle donne umbre. Un silenzio di dolore, con la forza delle donne che vogliono fermare questa folle brutalità”; ha concluso la Marini.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento