Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Centro Storico

Manifesto anarchico sotto le Logge, sporcate di blu anche le pietre appena pulite

Gli imbrattatori non hanno fatto i conti col sistema di videosorveglianza, perfettamente efficiente e regolarmente segnalato

Non c’è pace sotto le Logge. Una storia senza fine. “Ma quando si stancheranno di fare queste bucciottate?”. È il commento registrato stamattina, uscito dalla bocca di una signora che si apprestava a entrare in cattedrale per la liturgia domenicale.

Stavolta hanno affisso un manifestino accanto alla Petra Iustitie, copia effettuata dal formatore Roberto Cappelletti nel 1981 (l’originale, 1234, sta nella Sala del Malconsiglio).

La scritta dell’affisso recita: “Le logge sono nostre, fottiti capitalismo”, seguito dal segno dell’anarchia (foto scattata alle 8 di stamane, prima della rimozione del manifestino, dal vice sindaco Urbano Barelli).

I malandrini, evidentemente, sono anche scriteriati, o quanto meno disinformati, perché non hanno fatto i conti col sistema di videosorveglianza, perfettamente efficiente e regolarmente segnalato. Visionando la registrazione, si scoprirà l’identità dello sciocco e (inutilmente) ideologizzato imbrattatore.

In una immagine postata su fb “Perugia lavori pubblici”, Francesco Bastianelli documenta con foto e scrive: “La vernice blu ha sporcato le pietre appena pulite”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifesto anarchico sotto le Logge, sporcate di blu anche le pietre appena pulite

PerugiaToday è in caricamento