Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca San Giustino

Aggredita e picchiata in bagno dalla vicina entrata dalla finestra: donna sotto processo

L'imputata avrebbe scavalcato il divisorio del balcone, sarebbe entrata in bagno e colpito la rivale con una mazza di plastica, afferrandola per il collo e sbattendola a terra

L’antipatia tra vicine di casa finisce in tribunale per una irruzione in casa e una selvaggia aggressione mentre la vittima si trovava in bagno.

Una 43enne, albanese, difesa dall’avvocato Lucia Brinci, è finita davanti al giudice con l’accusa di ingiurie, minacce e lesioni aggravate, “perché con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, passando dal balcone e impugnando una mazza di plastica, si introduceva nella abitazione” della vicina “entrando nel bagno mentre questa era seduta sul wc” e la “colpiva ripetutamente, l’afferrava per il collo, le tirava i capelli, le dava pugni sulla nuca e la faceva cadere a terra” provocandole lesioni personali consistite in “contusione e lesioni cutanee, giudicate guaribili in sette giorni”.

La vittima dell’aggressione, avvenuta il 7 gennaio del 2019 a San Giustino, si è costituita parte civile tramite l’avvocato Daniele Federici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredita e picchiata in bagno dalla vicina entrata dalla finestra: donna sotto processo
PerugiaToday è in caricamento