La cena familiare degenera in rissa, fratello picchia la sorella e il marito dorme sul divano ubriaco

la lite era nata tra i due coniugi, poi l'intervento del giovane a favore del cognato contro la donna: "E' sempre colpa tua se litigate". Scatta il divieto di avvicinamento

La lite tra marito e moglie degenera per via dell’alcol e l’intervento del fratello della donna peggiora la situazione. Per la sorella.

La donna aveva organizzato una cena con alcuni amici, tra cui anche il fratello. La serata stava trascorrendo bene, tra piatti sudamercani e bevande alcoliche. Le bambine della coppie erano andate a dormire.

Verso le 4 del mattino la donna e il marito avevano iniziato a discutere in bagno. Ad un certo punto si era intromesso il fratello della donna che, però, aveva preso le parti del cognato, accusando la sorelle di essere sempre fonte di litigio: “è colpa tua se iniziano sempre delle discussioni”.

La donna aveva detto al fratello di starne fuori, che non erano affari suoi, ma questioni di coppia e che dovevano risolvere la cosa da soli. Il marito, però, anche a causa del troppo alcol, se ne andava a dormire. Il fratello della donna, allora, sfondava con un pugno il vetro delle porta del bagno e poi aggrediva la sorella, gettandola a terra e colpendo con pugni e calci e facendole sbattere la testa sul pavimento. Poi prendeva un frammento di vetro e cercava di colpirla.

La donna fuggiva dal marito chiedendo aiuto, ma l’uomo si limitava a dire al cognato di lasciarla perdere e si rimetteva a dormire. La donna veniva difesa da un amico presente alla cena e poi arrivava la Polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fratello veniva arrestato, dopo che si era recato al Pronto soccorso per farsi medicare le ferite da taglio, procurate con il vetro in frantumi. Il giudice ha convalidato l’arresto dell’uomo, difeso dall’avvocato Diego Florio, ed è stato disposto il divieto di avvicinamento alla sorella. L’udienza è stata rinviata a luglio. La donna ha riportato tagli alle mani e alle gambe, graffi ed escoriazioni e una bozza in testa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento