Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

LA CITTA CHE CAMBIA | A Lidarno nascerà il Polo strategico per vaccini contro epidemie animali e quelle trasmissibili all'uomo. Il progetto

Nel realizzando Polo strategico andranno a lavorare oltre 200 dipendenti. Sono previsti investimenti importanti in tecnologia per avviare laboratori di ricerca e sviluppo

Il “Polo strategico Officina farmaceutica e strutture ad elevato contenimento biologico”, sotto la direzione e il controllo l’Istituto Zooprofilattico di Umbria Marche, si farà e sarà realizzato a Perugia, in località Lidano su un importante terreno di proprietà del comune da anni al centro dei piano alienazioni. La conferma ufficiale è arrivata con l'atto di compravendita: a firmare il documento davanti al Notaio Biavati sono stati il Direttore Generale dell’Istituto Vincenzo Caputo ed il dirigent dell’unità operativa acquisti e patrimonio Pierluigi Zampolini. Presenti il sindaco Andrea Romizi, l’assessore ai lavori pubblici, infrastrutture ed ambiente Otello Numerini, il Direttore Amministrativo dell’Istituto Zooprofilattico Dante De Paolis ed il presidente del Consiglio di Amministrazione Prof. Luca Mechelli.

Il futuro Polo strategico sarà destinato allo sviluppo e alla produzione di vaccini per il controllo delle malattie degli animali, in grado da un lato di assicurare il supporto sanitario alle filiere zootecniche nazionali attraverso la messa a punto e la fornitura di vaccini, per ridurre l’utilizzo di antibiotici, usualmente non reperibili in commercio (malattie destinate a specie minori) e da un altro lato di produrre presidi immunizzanti "urgenza" per fronteggiare situazioni sanitarie di emergenza che dovessero presentarsi sul territorio nazionale (o all'estero). L’investimento complessivo sul territorio comunale ammonterà a circa 38 milioni di euro. Nel realizzando Polo strategico andranno a lavorare oltre 200 dipendenti. Sono previsti investimenti importanti in tecnologia per avviare laboratori di ricerca e sviluppo applicata e di controllo qualità. L’avvio del cantiere entro la fine del 2023.

Il Direttore Generale Vincenzo Caputo ha spiegato che il polo strategico che sorgerà a Lidarno avrà una valenza nazionale ed internazionale, visto che l’Istituto è anche centro di referenza nazionale (Cerep) per conto del Ministero della Salute per le pesti suine. Il Polo, inoltre, sarà sede di produzione di vaccini stabulogeni destinati agli animali, in una logica di riduzione importante dell’utilizzo di antibiotici in ambito veterinario e, in una prospettiva futura, di sviluppo e ricerca di presidi vaccinali da impiegare in situazioni particolari anche nella popolazione umana. l’avvio del cantiere entro la fine del 2023.

“Quella che prende il via oggi con questo atto – ha evidenziato il sindaco Andrea Romizi – è un’operazione che porta molteplici benefici al nostro territorio. Innanzitutto ci consente di valorizzare in maniera adeguata e con una destinazione urbanistica di pregio quel terreno. In secondo luogo ci permette di irrobustire una realtà virtuosa dell’Umbria come l’Istituto Zooprofilattico cui teniamo molto e del quale apprezziamo l’attività. Tutto ciò in un’area strategica della città perché posta nella direttrice che collega l’Umbria alle Marche. Per quanto ci riguarda rinnoviamo la nostra disponibilità ad una proficua collaborazione con l’Istituto anche per il futuro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LA CITTA CHE CAMBIA | A Lidarno nascerà il Polo strategico per vaccini contro epidemie animali e quelle trasmissibili all'uomo. Il progetto
PerugiaToday è in caricamento