menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Uno scrigno di storia e memoria torna alla luce: l'impresa degli ex studenti del Mariotti

Consegnato l’archivio digitale del giornale scolastico “Lo Zibaldone” al liceo ginnasio Mariotti di Perugia

Consegnato l’archivio digitale del giornale scolastico “Lo Zibaldone” al liceo ginnasio Mariotti di Perugia. Un evento lungamente atteso, una operazione a futura memoria di tanti ex studenti, poi divenuti figure di riferimento della Vetusta.

L’operazione fa capo al 2011, quando un manipolo di ex studenti del Liceo Classico  riesce a mettere in comune le copie del giornale, da ciascuno conservate con affetto e miracolosamente ritrovate nelle proprie case. Nessuno aveva la collezione completa, dalla fondazione agli anni più recenti: è stato perciò necessario unire le forze per il perseguimento di un obiettivo di forte significato storico, culturale e identitario.

La scuola – anche in seguito ai lavori di consolidamento, per rimediare agli effetti del terremoto del 1997 –  aveva perduto numerosi numeri. Si conservavano invece diversi cliché (che oggi avrebbero valore economico, anche se non più stampabili) di studenti disegnatori, come Massimo Bucchi, che poi avrebbe avuto successo come collaboratore de “La Repubblica”.

“Lo Zibaldone” era nato nell’anno scolastico 1952/53 come giornalino della classe IV Ginnasiale sezione A, da un’idea di Eugenio (all’anagrafe “Augusto”) Spagnoli e Giovanni Tarantini. Dopo la tragica morte di Eugenio (avvenuta  a pochi mesi dall’inizio della scuola), con l’aiuto della famiglia Spagnoli, i compagni hanno mantenuto viva la sua memoria, redigendo il giornalino che, da ciclostilato di classe, diventò d’istituto e a stampa.

Gli ex alunni impegnati nell’impresa di ricostruzione erano Giorgio Panduri, Giovanni Tarantini, primo direttore del giornale, da lui fondato insieme ad Eugenio Spagnoli; Mauro Galmacci, loro compagno  di classe e testimone di questa esperienza; Gerardo Gatti, altro storico direttore; Gino Goti, anche lui redattore.

La curatela di Giorgio Panduri e Patrizia Brutti, e la disponibilità di “Futura Edizioni”, hanno permesso la pubblicazione del volume “Sempre caro ci fu lo Zibaldone”, che raccoglie tutti i numeri del giornale dal 1952 al 1969. Il 15 giugno 2012, nell’ambito delle manifestazioni celebrative per il  XX Giugno cittadino, i cinque promotori hanno donato la collezione completa alla Biblioteca Augusta, insieme all’archivio digitale, realizzato da Futura di Fabio Versiglioni. Lo scorso 10 giugno, nell’ambito della consueta Festa della Premiazione, il Liceo ha ricevuto dagli ex redattori l’archivio. Purtroppo Gerardo Gatti non è più con noi, ma a rappresentarlo c’era il figlio Francesco, che, insieme a Giovanni Tarantini, Mauro Galmacci, Giorgio Panduri e Gino Goti, ha partecipato a questa cerimonia. Erano presenti anche Fabio Versiglioni di “Futura”, che fin dall’inizio ha creduto  a questa operazione, e  Alessandro Guidi, pronipote di Eugenio Spagnoli. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento