rotate-mobile
Cronaca

La Lettera al sindaco di Mauro Volpi: "Avete dimenticato di onorare la lapide di un grande perugino"

Mauro Volpi, costituzionalista e presidente del Comitato per le onoranze a Mario Angeloni, scrive al sindaco e al vicesindaco del Comune di Perugia esprimendo rammarico per la mancata apposizione della lapide alla memoria dell'antifascista Angeloni

Mauro Volpi, costituzionalista e presidente del Comitato per le onoranze a Mario Angeloni, scrive al sindaco e al vicesindaco del Comune di Perugia esprimendo rammarico per la mancata apposizione della lapide alla memoria del grande perugino. La pietra avrebbe dovuto essere murata presso l’abitazione di Angeloni in Via Danzetta angolo Corso Vannucci. “Sarebbe stato il modo più degno di concludere le celebrazioni organizzate dal Comitato che si sono concretizzate nella commemorazione tenutasi alla Sala dei Notari il 24 giugno 2016, nel Convegno su “Mario Angeloni. Un antifascista europeo”, svoltosi presso l’Università per Stranieri il 2 dicembre 2016 e, infine, nella presentazione del volume di Renato Traquandi “Mario Angeloni.

Profilo biografico, documenti testimonianze”, Volumnia, 2016, che si è tenuta il 23 giugno presso Palazzo Donini e doveva coincidere con l’apposizione della lapide”, scrive Volpi. Il quale – a proposito della mancata apposizione – aggiunge: “Se ciò non è avvenuto, lo si deve all’insufficiente impegno manifestato dagli organi responsabili dell’Amministrazione comunale, sia al fine di ottenere in tempo utile l’autorizzazione della Soprintendenza, sia nel predisporre la pulitura della facciata dell’edificio interessato che si trova oggi in condizioni disdicevoli, segnalate da tempo dal Comitato”.

L’apposizione doveva già essere avvenuta l’anno scorso, ma ci fu (in commissione toponomastica) chi obiettò che lungo corso Vannucci di lapidi ce ne sarebbero già troppe e si oppose. Si pensò, per un momento, anche di murare la lapide all’inizio di via Danzetta, anche se sarebbe stata poco visibile a causa di insegne pubblicitarie e un accrocco di materiale elettrico.

La conclusione del professor Volpi: “Chiedo quindi che il Comune provveda al più presto a garantire le condizioni per l’apposizione della lapide con una cerimonia degna e opportunamente pubblicizzata per pagare il debito di riconoscenza che l’intera Città deve a una grande personalità democratica e antifascista come quella di Mario Angeloni”. Storia scritta su pietra: a perenne memoria. Troverà, il professore, orecchie sensibili a risolvere il problema?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lettera al sindaco di Mauro Volpi: "Avete dimenticato di onorare la lapide di un grande perugino"

PerugiaToday è in caricamento