menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Galleria Kennedy, ci siamo: dalla rotatoria agli ascensori i lavori sono in dirittura d'arrivo

Qualcosa più che finiture e ultimi ritocchi: ci sarà una settimana di lavoro: parliamo delle opere accessorie agli ascensori della Kennedy, quasi al termine. La Galleria verrà chiusa una notte per procedere ad una robusta ripulitura

“Qualcosa più che finiture e ultimi ritocchi: ci sarà una settimana di lavoro. Sempre che non ci mandino da qualche altra parte”, dice un operaio che stende il porfido. Parliamo delle opere accessorie agli ascensori della Kennedy, in dirittura d’arrivo. La stessa Galleria (prima rifugio antiaereo, poi ottima bretella per bypassare i Tre Archi) verrà chiusa  per una notte – si fa sapere – per procedere a una robusta pulitura. “Ma non ci starebbe male neppure una ripassatina al manto, con qualche falla da rimediare”, dice qualcuno.

Galleria Kennedy, i problemi vengono da lontanissimo: l'antica fonte d'acqua dimenticata

Comunque, siamo al “redde rationem”. Di lusso, a quanto è dato di capire. La rotatoria “a pera” risulta comodissima: un olio, se paragonata con le curve e gli scossoni di un biennio pieno. Insomma: un biliardo di cui prima si subivano le buche, mentre adesso se ne assapora il piano liscio.

Al momento stanno pavimentando con mattonelle di porfido,  ad alto valore estetico. Il fatto è che questo tipo di pietra si sposa male col cemento, come dimostrano diversi marciapiedi in perenne distacco (come quello di via Cesare Battisti). “Per fortuna – dice un esperto – non si tratta di una superficie calpestabile e le mattonelle non dovrebbero scollarsi”. “A meno che – soggiunge un altro – non finiscano col parcheggiarci sopra i veicoli: il che provocherebbe il distacco”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento