menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condannato per spaccio e rapina, ma era latitante: stanato e catturato in centro storico

Gli agenti sono riusciti ad individuare il suo rifugio, un appartamento in Corso Garibaldi. Ieri pomeriggio l’irruzione nell’appartamento e la sua cattura. Poco dopo dalla Questura è stato trasferito in Carcere

Per un tunisino di 36 anni, latitante e già condannato per spaccio e rapina, si sono aperte le porte del carcere di Capanne. Su disposizione del Questore Francesco Messina, si sono intensificati anche i controlli in centro storico per monitorare eventuali presenze sospette, stranieri irregolari e per prevenire qualunque tipo di minaccia terroristica. Gli esiti dei controlli effettuati dagli agenti della Digos hanno così permesso di arrestare il tunisino latitante. 

La sua presenza in Centro Storico, ed in modo particolare nella zona di Corso Garibaldi, non è sfuggita agli agenti che hanno voluto verificare chi fosse quello straniero che manifestava una anomala tendenza a non farsi vedere in giro di giorno e ad eludere i luoghi dove fossero presenti le forze dell’Ordine.

Dai riscontri delle banche Dati, è emerso che lo straniero era in fuga dalla Giustizia essendosi sottratto dal 2015 ad un ordine di carcerazione per le condanne definitive per rapina e spaccio di stupefacenti commessi a Perugia. Dai servizi di osservazione gli agenti sono riusciti ad individuare il suo rifugio, un appartamento in Corso Garibaldi. Ieri pomeriggio l’irruzione nell’appartamento e la sua cattura. Poco dopo dalla Questura è stato trasferito in Carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento