Lascia l'auto in mezzo alla rotatoria e picchia l'autista del bus che non riusciva a passare

L'automobilista è stato condannato a tre mesi di reclusione (pena sospesa) e al risarcimento da quantificare in sede civile

Dura la vita dell’autista del bus di linea cittadino. Guidare un “bestione” di quelle dimensioni non è facile, soprattutto in mezzo ad un traffico congestionato e in vie strette, con tante rotatorie, spesso occupate da auto in sosta selvaggia.

Un autista è stato anche picchiato da un automobilista che aveva bloccato la circolazione alla rotatoria di Sant’Erminio a Perugia. Dopo aver suonato con il clacson per far spostare l’auto, infatti, è stato aggredito e malmenato dall’automobilista indisciplinato. Il fatto è avvenuto nel 2012, ma ancora se ne discute in tribunale per il processo per lesioni personali gravi. L’imputato è difeso dagli avvocati Adele Lerose e Claudio Lombardi. L’autista si è costituito parte civile tramite l’avvocato Gianni Zurino.

Ad assistere all’aggressione un collega dell’autista che seguiva con un secondo bus, bloccato nel traffico. Oggi in aula ha raccontato di come l’automobile impedisse il passaggio del bus sulla rotatoria, di come avessero entrambi suonato il clacson per far spostare l’auto e di come, appena giunto al capolinea, il suo collega fosse stato aggredito a schiaffi e calci. Tanto da riportare sul volto il segno della mano e sui vestiti l’impronta delle pedate.

L’autista aveva riportato lesioni gravi al timpano, tanto da non poter guidare, e uno stato di ansia continuo che lo aveva tenuto lontano dal lavoro per 6 mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il giudice Lucia Innocenzi, a pochi giorni dalla prescrizione del reato, ha condannato l’aggressore a tre mesi di reclusione, con pena sospesa, e al risarcimento del danno da liquidarsi in separata sede (cioè un altro procedimento, civile questa volta).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento