menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lago Trasimeno, emissario sorvegliato speciale: problemi ai vecchi mulini

Controlli a tappeto per evitare problemi con la struttura vecchia di centinaia di anni e riutilizzata dopo 27 anni di attività. Il livello resta inchiodato a più 34 centimetri dallo zero idrometrico

Sorvegliato speciale. Mercoledì di controlli “a tappeto”, trascorso passando in rassegna metro per metro il canale emissario del lago Trasimeno. Una giornata dedicata dai tecnici di Provincia e Regione a una ricognizione dell’opera ottocentesca, da ieri, martedì 10 febbraio, di nuovo in funzione dopo 27 anni di inattività, che, dopo un percorso di circa 7 chilometri, conduce le acque del bacino lacustre al Torrente Caina e attraverso questo al Fiume Nestore.

Obiettivo del test è verificare la tenuta dell’infrastruttura e far emergere eventuali criticità o fragilità. Come quella che si è manifestata oggi, mercoledì 11 febbraio, nella località dove un tempo sorgevano dei molini. Qui, a causa di paratoie in legno ormai ammalorate, si è verificata una fuoriuscita d’acqua, tempestivamente tamponata con l’intervento di un escavatore, già utilizzato nei giorni scorsi per la sistemazione di un argine franato. Con l’intervento condotto in accordo con il Comune di Magione, è stato possibile risolvere il problema, facendo in modo che l’acqua tornasse a scorrere all’interno del canale principale.

Domani si proseguirà sulla falsariga di oggi, con controlli a valle dell’emissario, mentre venerdì si porteranno a compimento le attività di misurazione delle portate, prima di tornare a chiudere le paratoie. Da segnalare che al momento è quasi impercettibile la variazione di livello delle acque del lago, che tutt’ora segnano +34 centimetri sullo zero idrometrico.

?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento