Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Trasimeno assediato dai bracconieri: altre reti clandestine per "rubare" e rivendere il pesce

Continua la piaga del bracconaggio ittico che svuota i laghi umbri e i principali fiumi di casa nostra. Dopo le reti a Corbara e quelle al Trasimeno, ora arrivano trappole mortali anche negli affluenti del bacino lacustre

Continua la piaga del bracconaggio ittico che svuota i laghi umbri e i principali fiumi di casa nostra. Dopo le reti a Corbara e quelle al Trasimeno, ora arrivano trappole mortali anche negli affluenti del bacino lacustre nei pressi di Passignano sul Trasimeno. I Carabinieri Forestali insieme alle guardie giurate volontarie della F.I.P.S.A.S. hanno ritrovato sette tofi (complesse reti a campana contenenti più inganni) e 2 guide (reti per indirizzare i pesci all’interno del tofo),  posizionate in località Ponte della Torre, nelle acque del Canale dell’Anguillara affluente del Trasimeno, contenenti 350 chili di pesce vivo e una 50antina di chlili invece in avanzato di putrefazione.

Tutti gli esemplari ancora vivi di cavedani, tinche e carassi sono stati immediatamente liberati in acqua. Sono in corso le indagini per risalire ai responsabili degli episodi di bracconaggio ittico, che penalizzano gravemente l’ecosistema del Lago e l’economia locale.Il bracconaggio è in mano a bande di romeni, spesso con complici italiani, che rivende tutto il pescato sul mercato nero italiano ed estero del pesce di acqua dolce. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasimeno assediato dai bracconieri: altre reti clandestine per "rubare" e rivendere il pesce

PerugiaToday è in caricamento