menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aperto l'emissario del Trasimeno, il lago perderà un milione e 200mila metri cubi d'acqua ogni 2 giorni

Via libera alle operazione al canale di San Savino: il piccolo lago dell'Umbria è a +35 centimetri

Le carrucole manovrate dagli operatori di Umbria Mobilità Esercizio s.r.l. hanno iniziato a muoversi poco dopo le 7,30 della mattina di martedì 10 febbraio. Via libera all’apertura dell’emissario di San Savino sul lago Trasimeno.

I tecnici di Regione e Provincia di Perugia hanno deciso di avviare all’alba le operazioni, soprattutto per testare l’effettiva funzionalità ed efficienza dell’ottocentesco canale, attivato per l’ultima volta il 15 luglio 1988, quando il bacino lacustre aveva raggiunto i ragguardevoli +54 centimetri sullo zero idrometrico. Una condizione diversa da quella attuale, in cui si registrano +35 centimetri, e a cui si è giunti rapidamente, con le piogge intense e perduranti della scorsa settimana che hanno fatto impennare il livello idrometrico (+13 centimetri in poche ore) ed hanno spinto le autorità competenti a prendere la decisione di mettere mano alla paratoie.

La prima operazione è consistita nella sostituzione manuale delle cinque paratoie rigide con quelle filtranti (così da impedire la fuoriuscita di fauna ittica), presso il primo sistema di sbarramento. Da qui l’acqua del lago ha iniziato a defluire all’interno di un bacino intermedio, fino all’altezza massima di due metri. Dopodiché si è passati alla seconda fase, quella dell’apertura vera e propria, presso il secondo sistema di paratoie, attivate questa volta meccanicamente, e con un ritmo lento, dal momento che l’innalzamento avviene per step, di 5-10 centimetri per volta. Il tutto per consentire ai tecnici di effettuare le necessarie misurazioni a valle e collaudare così progressivamente la tenuta del reticolo e del sistema murario che lo caratterizza. In vista di questo test, l’emissario (lungo complessivamente 7 chilometri) è già stato sottoposto ad opere di manutenzione e di ripulitura, fino alla sua confluenza con il Torrente Caina, per una lunghezza di circa 5.800 metri.

Si stima che dal canale possa fuoriuscire un centimetro (pari ad un milione e 200.000 metri cubi) di acqua ogni due giorni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento