Ladri in fuga, presi con carico di sigarette dopo furto in Valnerina: quattro in manette

Blitz della polizia stradale di Orvieto al casello di Orte: il materiale sequestrato è stato rubato in una attività commerciale a Preci

Il colpo messo a segno ieri sera, 7 ottobre, in Valnerina e che gli è costato una denuncia, potrebbe essere solo l’ultimo di una lunga serie. Per questo, gli agenti della polizia stradale di Orvieto, coordinati dal comandante Stefano Spagnoli, stanno effettuando una serie di indagini per capire se i quattro uomini arrestati siano responsabili anche di altri furti messi a segno sul territorio provinciale.

Il blitz è scattato attorno alle 2.30 della notte scorsa quando gli agenti della sottosezione della polizia stradale di Terni, comandati dal vicequestore Luciana Giorgi, hanno intercettato una Opel Astra nei pressi del casello autostradale di Orte. Alla vista degli agenti, le persone a bordo dell’auto hanno manifestato più di una segno di nervosismo.  Dettaglio, questo, che non è sfuggito ai poliziotti, che hanno perciò deciso di fermarli e di procedere al controllo.

Gli agenti hanno prima chiesto i documenti e poi hanno fatto qualche domanda sul luogo di provenienza e sulla destinazione dei quattro fermati. Che, per tutta risposta, hanno farfugliato qualcosa di poco convincente, alimentando così i sospetti degli agenti. Gli uomini della Stradale quindi hanno deciso di approfondire gli accertamenti anche all’interno del veicolo e, nel bagagliaio, hanno trovato dei grossi sacchi di nylon al cui interno erano riposti alla rinfusa oltre 500 pacchetti di sigarette di vari marchi, profumi, numerosi portachiavi, circa 30 confezioni di caffè ed altrettanti di detersivi della cui provenienza, tutti i fermati non fornivano alcuna spiegazione.

Alla luce di quanto scoperto, i 4 uomini – stranieri, pluripregiudicati – sono stati accompagnati presso gli uffici della Stradale di Orvieto per più approfonditi accertamenti.Sono state dunque svolte indagini più nel dettaglio che hanno consentito di accertare che il materiale trasportato sull’autovettura era stato rubato nella nottata in un esercizio commerciale di Preci (in provincia di Perugia). I quattro cittadini stranieri, pluripregiudicati anche per reati specifici (uno era già stato arrestato il 2 ottobre perché responsabile di analogo reato ed un altro era sottoposto ad obbligo di firma sempre per il medesimo reato) sono stati denunciati per ricettazione in concorso tra loro e possesso di arnesi atti allo scasso in quanto, sul veicolo, sono stai trovati anche due scalpelli verosimilmente utilizzati per forzare l’ingresso dell’esercizio violato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La merce recuperata, per un valore di oltre 5mila euro, è stata sottoposta a sequestro in attesa di essere restituita al legittimo proprietario.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento