Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Maxi evasione dell'Iva e frode del carburante: 38 indagati tra imprenditori e società

Maxi frode nel carburante ed evasione. Chiuse le indagini per l’imprenditore umbro Mauro Olivi e altri 38 tra persone e società, finite sotto la lente d’ingrandimento della procura e che nei mesi scorsi aveva portato all’arresto di 13 indagati

Frode nel commercio del carburante ed evasione. Chiuse le indagini per l’imprenditore umbro Mauro Olivi e altri 38 tra persone e società, finite sotto la lente d’ingrandimento della procura e che nei mesi scorsi aveva portato all’arresto di 13 indagati di cui otto in carcere e cinque ai domiciliari. Una vasta operazione quella portata avanti dalle Fiamme Gialle in collaborazione con gli uffici Doganali e che ha riguardato decine di perquisizioni e l'esecuzione di 13 misure cautelari per gli indagati residenti in Lombardia, Marche, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia e Svizzera, partita da un semplice controllo fiscale.

E proprio attraverso la ricostruzione della movimentazione fiscale, del "pacchetto clienti" (linfa vitale per le società) e dei rapporti commerciali che l'imprenditore umbro intratteneva, che la polizia giudiziaria è arrivata a ricostruire il giro d'affari , fino a risalire ai vertici di due distinte organizzazioni criminali (di cui una operante a livello internazionale) nel settore della commercializzazione dei carburanti.

Frode del carburante, ville, auto, conti correnti sequestrati e 13 arresti: in manette anche imprenditore umbro, evasione da capogiro

Nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari, ci sono 23 persone residenti in varie parti d’Italia e ben 15 società: le accuse vanno, a vario titolo, dall’associazione per delinquere finalizzata ai reati fiscali fino alle emissioni di fatture o documenti per operazioni inesistenti. In particolare è stato ricostruito come le frodi sarebbero state attuate “mediante l’interposizione di società di comodo negli acquisti compiuti da fornitori comunitari e fornitori residenti ai quali sarebbero state rilasciate “false dichiarazioni d’intento in modo da approvvigionarsi in regime di esenzione Iva di ingentissimi quantitativi di carburante”.

L' imprenditore perugino arrestato chiede il ritorno in libertà

Lo stesso carburante sarebbe stato poi ceduto dalle società cartiera ai destinatari finali rilanciando fatture per operazioni inesistenti. Una complessa attività quella scoperta dagli inquirenti, fatta di prestanomi, società cartiera e “capi e promotori”  che avrebbero prima promosso la costituzione di società di comodo e poi intrattenuto contatti con i fornitori comunitari di carburante e con gli acquirenti a prezzi fuori mercato.

L’imprenditore umbro– avrebbe, in qualità di partecipe, messo a disposizione dell’organizzazione la società commerciale da lui amministrata. Quest’ultima sarebbe stata  il “tramite” attraverso il quale il sodalizio avrebbe immesso in Umbria il carburante in commercio a prezzi fuori mercato, concordando con i vertici del sodalizio la fatturazione del carburante delle società cartiere. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi evasione dell'Iva e frode del carburante: 38 indagati tra imprenditori e società

PerugiaToday è in caricamento