rotate-mobile
Cronaca

Italia fuori dal Mondiale. Mister Ventura e Viziatelli ci hanno tolto le nostre notti magiche... tra amici, cibo e voglia di vivere

Per i tanti come me che al massimo vedono i goal a Novantesimo Minuti del campionato di serie A, per colpa di Mister Ventura e una ventina di ricchissimi connazionali saremo costretti a reinventarci quelle serate speciali, quelle che un tempo si chiamavano "notti magiche". Ve ne racconto alcune...

Non andremo in Russia. Non giocheremo il mondiale. C'è chi piange per il tricolore che resterà chiuso in un cassetto. Chi perchè è malato di calcio a prescindere. E chi facendo due calcoli ha capito che l'esclusione è l'ennesima mazzata sull'economia nazionale. Io invece sono incazzato perche ho visto andare in fumo delle notti magiche da passare con parenti, amici, figli e persino sconosciuti. Non so quanto costerà a livello economico questa apocalisse azzurra ma so qual è il prezzo sociale. Per i tanti come me che al massimo vedono i goal a Novantesimo Minuti del campionato di serie A, per colpa di Mister Ventura e una ventina di ricchissimi connazionali saremo costretti a reinventarci quelle serate speciali, quelle che un tempo si chiamavano "notti magiche".

Che poi iniziavano dalla mattina. Ci sono regole ferree una volta stabilità la location (rigorosamente all'aperto, fumo di sigaretta permesso e urlo libero, senza reprimenda di eventuali vicini molesti). La compagnia per tale evento non viene selezionata: amici degli amici, amici storici, mogli, figli, nonne con bastone al seguito, cugini di terzo e quarto grado. L'obiettivo essere in tanti. Perchè bisogna essere uniti, bisogna ritrovarsi, bisogna essere squadra. Vanno bene anche oriundi e semi-sconosciuti. Tutti però, ripeto tutti, devono accettare un proprio compito preciso: gruppo vettovagliamento, gruppo griglie, gruppo cucina e gruppo bandiere e fuochi d'artificio. Alle persone più di fiducia viene assegnata la selezione di birre (come se non ci fosse un domani), vino rosso del contadino e cocomero (dai 12 chili in su).

La preparazione delle notti magiche da mondiale non sono soggette a differenze di genere perchè tutti fanno tutti, tutti criticano tutti i giocatori in campo, tutti sono convinti che il male è l'allenatore e l'arbitro è in realtà un pericolo psicopatico prestato al gioco del calcio. A due ore dal fischio di inizio i gruppi lavoro, per una notte magica, entrano in azione nella casa-giardino dell'ospitante. La brace incomincia a scaldarsi. Antipasti spalmati, birre che si stappano creando un sottofondo musicale celestiale, tavoli che danzano fino a fermarsi nel posto voluto. Arriva sua maestà il televisore. Scatta la ola. Assaggia sto prosciutto. Senti quanto è bono sto formaggio. Passami il vino. No quello. Quello rosso. E' caldo. Anzi caldissimo. Ma nessuno se ne accorge. Chi vuole la torta con la salsiccia ed erba? Mille mani si avventono sulla cesta materializzatesi come un miraggio. I padri e le madri dimenticano completamente l'esistenza dei figli estasiati da cibo, libertà e il ritorno ad eterni vent'anni. I pargoli ringraziano e come leoncini fanno di tutto. E' un miracolo che alla fine della serata siano ancora vivi, integri come sette ore prima. C'è la pasta: pennette all'arrabbiata servite su infuocate scodelle di plastica morbida. Solo quelli che già hanno superato la quarta birra riescono tranquillamente a tenerle con la mano sinistra mentre con la destra provano ad infilzare con alterne fortune le pennette al dente. E' un orgia di tutto queste notte magiche. Ho visto amici mischiare il tiramisù con la pasta al forno. Ed erano consapevoli di quello che avevano nel piatto.

E tra un boccone e l'altro si cerca di capire quale formazione scenderà in campo. Tutti contro tutti. Poi arriva quella ufficiale: tutti uniti contro il Mister; fa schifo! Arriva l'inno. Lo canti fino a piangere disperato. Ti stringi a coorte con la tua corte improvvisata. L'arbitro fischia l'inizio. E poi non c'è più copione. Si va a braccio a secondo di come si incanala la partita. Ma l'incontro è secondario. La notte magica è stata già in parte vissuta e già si programma la prossima partita. Sperando che ce ne sia una ancora da disputare. Le notti magiche nel 2018 non ci saranno. Non saranno uguali quelle cenette a vedere Marocco-Svezia. Forse non andremo neanche. Ventura e i suoi viziatissimi giocatori hanno mandato all'aria le nostre notti magiche. E chissà quando ne vivremo altre. E' questa la ricchezza vera buttata al diavolo contro i modesti svedesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italia fuori dal Mondiale. Mister Ventura e Viziatelli ci hanno tolto le nostre notti magiche... tra amici, cibo e voglia di vivere

PerugiaToday è in caricamento